Francesco De Gregori, “Rimmel” ha 45 anni: la storia del disco

L’album forse più emblematico della discografia di Francesco De Gregori è uscito nel gennaio del 1975. Lo abbiamo ricordato da lunedì 13 gennaio a oggi ripercorrendolo una canzone dopo l’altra.
Francesco De Gregori, “Rimmel” ha 45 anni: la storia del disco

Precipita all'improvviso sulla terra da chissà quale pianeta e rimbalza in vetta alle classifiche di vendita, duecentomila copie così, quasi dal nulla (in tempi sereni senza social), scavalca Baglioni, Battisti, Celentano, Cocciante, perfino il maestro De André, al cui “Vol. 8” De Gregori collabora vivacemente mentre compone, produce, arrangia e interpreta “Rimmel”, nove canzoni «perfette» che insieme non raggiungono nemmeno la durata di mezz'ora, un'apnea musicale di stupore e incanto. “Era un modo di scrivere, di montaggio linguistico” - riconosce quasi stupefatto l’autore a distanza di tempo – “che scardinava tutto quello che era stato fatto prima nella musica d'autore». Eppure per il critico Giaime Pintor “non tanto Gozzano è presente, quanto i Baci Perugina”. Considerazioni insensate ma figlie di un'epoca tormentata, di stragi fasciste, di mafia e di stato, di attentati, di rivendicazioni brigatiste, di schieramento politico coatto. De Gregori parla di fiorellini, di colli di pelliccia e di figlie del dottore e ora ha raggiunto anche il potere del successo (“Rimmel” resta in hit parade per 60 settimane filate, più di un anno, record mai più battuto da un cantautore italiano).

“In ‘Rimmel’ c'è una diversità musicale rispetto alle prime esperienze” - riconosce l'autore – “ma c'è soprattutto una nuova impostazione nella stesura dei testi. Sto abbandonando un certo tipo di linguaggio intellettualistico ed ermeticamente poetico per cercare di essere più semplice e immediato”. De Gregori continua a essere incredulo per il successo imperituro di questo soffio d'album che galoppa senza mai inciampare né sollevare un granello di polvere: “C'è stata qualche alchimia, ma devo ancora capire quale”. All'inizio in pochi ci credono, De Gregori litiga con la Rca al completo, da Lilli Greco a Ennio Melis che ricorda: “Gli dico: vada avanti, De Gregori, ha la mia autorizzazione a completare il disco a modo suo, ma si ricordi, se le cose andranno male la responsabilità sarà tutta sua. Ne andava di mezzo anche la mia reputazione, ma il gioco valeva la candela. E non mi sbagliavo”. De Gregori si occupa personalmente anche della copertina e lo fa in modo sconcertante inserendo l'ovale di un'aristocratica donna ottocentesca all'interno di un fitto reticolo di strisce verticali in bianco e nero, richiamo forse alle “pagine chiare e le pagine scure”, tra le quali rimane molto più di “qualcosa” per la nostra musica.

Leggi qui la scheda di “Piano bar”

Leggi qui la scheda di “Piccola mela”

Leggi qui la scheda di “Quattro cani”

Leggi qui la scheda di “Le storie di ieri”

Leggi qui la scheda di “Buonanotte fiorellino”

Leggi qui la scheda di “Pablo”

Leggi qui la scheda di “Il signor Hood”

Leggi qui la scheda di “Pezzi di vetro”​

Leggi qui la scheda di "Rimmel"

Il testo qui pubblicato è tratto, per gentile concessione dell’autore Federico Pistone e dell’editore, da “Tutto De Gregori – Il racconto di 230 canzoni” (Arcana, 300 pagine, euro 18,50). (C) Lit edizioni di Pietro D'Amore s.a.s.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/YGt_B17w3Se1rO5oXpth9JzYYZM=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/tuttodegregori.jpg

Dall'archivio di Rockol - presenta i nuovi progetti dal vivo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
4 dic
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.