Spotify lancia gli ‘Spotify Awards’: saranno in Messico

Anche Spotify vuole i suoi premi: arriva, con i novelli "Spotify Awards", “la prima cerimonia basata al cento per cento su dati generati dagli utenti”.

Spotify lancia gli ‘Spotify Awards’: saranno in Messico

Il colosso svedese dello streaming ha annunciato gli “Spotify Awards”, i premi targati Spotify che vanno ad aggiungersi alla platea di riconoscimenti che, dalla Recording Academy a MTV, dalla British Phonographic Industry alla Black Entertainment Television, vengono annualmente assegnati al mondo della musica. L’azienda, però, per quanto riguarda i suoi “Spotify Awards”, che si terranno a Città del Messico il prossimo 5 marzo, rivendica un primato: i premi saranno “la prima cerimonia basata al cento per cento su dati generati dagli utenti”. La cerimonia, alla sua prima edizione, verrà trasmessa da Turner Latin America in Messico e nel resto dell’America Latina. 

Nel motivare la scelta di mettere in scena gli Awards in Messico il team di Spotify ha spiegato che la capitale del Paese ha sulla piattaforma più ascoltatori di tutte le altre, superando, ad esempio, città come New York, Londra e Parigi. “Abbiamo deciso di festeggiare riconoscendo quello che gli utenti amano basandoci interamente sui loro ascolti. Gli Spotify Awards non sono altro che questo, dando a tutti la possibilità di diventare parte dello show”, ha dichiarato a tal proposito Mia Nygren, managing director della filiale latinoamericana del gruppo. Solo nei prossimi giorni verranno resi noti, riferisce Music Ally, i dettagli delle premiazioni, che sveleranno in particolare quanta parte degli “Spotify Awards” si concentrerà sugli ascolti dell’America Latina.

La notizia degli “Spotify Awards” è trapelata attraverso un’intervista concessa dal CEO Daniel Ek e da Dawn Ostroff all’Hollywood Reporter, la stessa nella quale i quadri dirigenti di Spotify hanno confermato la volontà della piattaforma di investire nei podcast, spiegando che Spotify ha pagato circa 10 milioni di dollari per assicurarsi l’esclusiva di una produzione di podcast di partnership con Barak e Michelle Obama. È emerso inoltre che il gruppo ha in programma di mettere in piedi un hub a Los Angeles dedicato proprio alla produzione di podcast e che Spotify al momento, negli Stati Uniti, “cattura tra il dieci e il venti per cento del pubblico complessivo dei podcast”.

Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.