Addio a John Mann, il cantante degli Spirit of the West

John Mann soffriva da tempo di Alzheimer: è morto questa notte all'età di 57 anni.
Addio a John Mann, il cantante degli Spirit of the West

È venuto a mancare ieri, 20 novembre, nella sua casa di Vancouver, il cantante degli Spirit of the West John Mann. L’artista, che aveva 57 anni, soffriva di Alzheimer.

Era il 2012 quando a Mann è stata diagnosticata la malattia che il cantante della formazione folk-rock canadese ha poi reso di pubblico dominio un paio di anni dopo, nel 2014. L’anno successivo gli Spirit of the West si sono esibiti nel loro tour di addio alle scene, al quale è stato dedicato il documentario di Peter McCormack “Spirit Unforgettable” che si concentra sulle prove della band e sullo show al Massey Hall di Toronto.

A diffondere la notizia della dipartita di John Mann è stata la sua band, che ha diffuso il seguente comunicato:

Circondato dagli amici e dall’amore della famiglia fino alla fine, tutti ricorderanno della ricca eredità di John. Era una grande forza nella musica, nella recitazione – sul palco, nei film e in televisione, era internazionalmente riconosciuto come un autore. Allo stesso tempo era un attivista preveggente e una figura caritatevole preziosa per diverse organizzazioni. Il suo lavoro echeggerà a lungo dopo la sua morte.

Scrivono ancora gli Spirit of the West:

La sua carriera spazia su circa 40 anni e include molteplici ruoli nel cinema, numerosi ruoli a teatro e la posizione di cantante e affascinante frontman del gruppo musicale canadese degli Spirit of the West.

Infine:

John era un uomo dal coraggio non comune, era un amico leale e amato, un gentiluomo dalla spiccata coscienza sociale con un’anima traboccante di creatività ed entusiasmo.

Gli Spirit of the West hanno dato il via alla loro avventura artistica nel 1983 facendosi conoscere prima come band folk e, successivamente, per il mix di hard rock, pop e musica celtica che la loro produzione ha incarnato dagli anni Novanta in poi. Tra i brani più noti del gruppo, che ha all’attivo una decina di album, ricordiamo “And if Venice Is Sinking”, “Save This House” e “Political”.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.