Fabrizio De André: ecco come è andata in TV "Una storia da cantare"

Il programma condotto da Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero ha ricordato il cantautore genovese.

Fabrizio De André: ecco come è andata in TV "Una storia da cantare"

Ieri sera su RaiUno è andato in onda il primo dei tre appuntamenti con ‘Una storia da cantare’, programma condotto da Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero. La prima di queste puntate era dedicata a Fabrizio De André.

Numerosi gli ospiti che sono intervenuti per ricordare il cantautore genovese scomparso l’11 gennaio 1999. Prima fra tutti, naturalmente, Dori Ghezzi, che di De André è stata moglie, che ha raccontato il suo Fabrizio oltre ad avere interpretato insieme a Morgan "La canzone di Marinella". Il cantautore monzese ha poi conquistato l'attenzione con uno straordinario monologo.

Ma anche Paola Turci, che ha interpretato “Via del Campo”, Loredana Berté con una personale rivisitazione di “Una storia sbagliata” e Ornella Vanoni che incespica su “Bocca di Rosa” dimenticando il testo e mandando degli accidenti alle luci che, evidentemente, non le permettevano di leggere il ‘gobbo’ con le parole della canzone.

Il padrone di casa, Enrico Ruggeri, ha interpretato “Il pescatore” insieme a Nek, mentre Massimo Ranieri si è misurato con “Don Raffaé” e Willie Peyote con “Il bombarolo”.

Il pubblico, durante la trasmissione, era stato chiamato, via social, ad eleggere quale fosse il brano preferito tra i molti del repertorio di Fabrizio De André. Ebbene la palma di canzone più amata se lo è aggiudicato “La canzone di Marinella”. I dati Auditel riportano che ieri sera 'Una storia da cantare' è stato visto da 4.147.000 spettatori pari al 21.1% di share.

In chiusura Enrico Ruggeri ha presentato il suo inedito “Una storia da cantare”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.