Concerti memorabili: AC/DC, Imola 9 luglio 2015

“Emozioni, verità e backstage dei più leggendari concerti rock”: Massimo Cotto li racconta nel suo libro “Rock Live”, di cui proponiamo un estratto
Concerti memorabili: AC/DC, Imola 9 luglio 2015

Quando li ho visti arrivare, per qualche secondo si è fermato il tempo. Autodromo di Imola, 9 luglio 2015. Primo mattino. Faceva già caldo. E li ho visti. Venivano verso di me, ma non vedevano me. Non vedevano nessuno, nemmeno il traguardo, che era oltre la curva. Correvano verso il palco, per conquistare i posti davanti, nelle primissime file, e godersi tutto, perché niente doveva andare perduto in giornate così. Niente può essere lasciato al caso, in questo AC/DC Day. Centinaia di persone che correvano come non ci fosse un domani, nel caldo già avanzato, per assicurarsi la porzione di sogno più vicina al cielo.

Sì, può sembrare stupido, ma mi sono emozionato di più a vedere il popolo del rock che la band che quel popolo aveva mosso. Perché il rock siamo noi, nessuno si senta escluso. E siamo noi padri e figli, perché quel giorno c’erano tante generazioni che correvano mano nella mano.

Se volete, vi parlo del concerto, della scaletta di 21 brani basici come pane azzimo ma ricchi come una Sacher, dei riff di Angus Young tarantolato nella sua divisa da scolaretto, delle grida al cielo di chi vuole salire sulla sedia più alta del mondo. Posso parlarvi dei decibel (107, secondo Claudio Trotta che ha organizzato il concerto, molto al di là dei limiti consentiti negli stadi), del palco che è una grande volta a botte sormontata da un paio di bellissime corna (il rock è l’unico luogo dove le corna hanno un segno positivo e non danno segni di tradimento), dell’inizio che toglie il fiato: un video che mostra una missione spaziale che scopre il meteorite AC/DC lanciato verso la Terra e, quando avviene l’impatto, partono i fuochi d’artificio, Brian Johnson che dice poche, semplici parole: “Buonasera Imola. Vi piace il rock? Allora andiamo”. E si va con “Rock Or Bust”, il primo pieno di benzina di una corsa che non andrà mai in riserva.

Posso parlarvi di quello che volete, di 92.000 persone (dati ufficiali, ma erano molte, molte di più) che cantano in coro le stesse parole per un’ora e mezzo, ma niente è inciso sulla mia pelle come quel primo attimo: i cancelli che si aprono e centinaia di persone che corrono felici. Quello è stato il concerto. Quella è stata la musica più bella.

Questo testo è tratto, per gentile concessione dell’autore e dell’editore, che ringraziamo, dal libro “Rock Live” di Massimo Cotto, edito da Mondadori (275 pagine, 18 euro), al quale rimandiamo per la lettura completa del capitolo relativo e per tutti gli altri concerti in esso raccontati.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/cq1bazZD033ePhsXgzslrLJ1RBM=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/rocklivecottocopertina.jpg

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.