Adriano Celentano, torna ‘Adrian’: ecco com’è andata la prima puntata (con Ligabue)

“Nelle prime quattro puntate mi avete condannato, accusandomi di essere poco presente, senza minimamente pensare ad Adrian": Adriano Celentano è tornato su Canale 5, con alcuni ospiti.

Adriano Celentano, torna ‘Adrian’: ecco com’è andata la prima puntata (con Ligabue)

È infine tornato su Canale 5, dopo le puntate dello scorso mese di febbraio, “Adrian”, il programma di Adriano Celentano bruscamente interrotto per ragioni, si era detto, legate alla salute della voce di “Il ragazzo della via Gluck”. Come precedentemente annunciato, Celentano è stato accompagnato nella prima puntata della seconda tranche del programma da alcuni ospiti: Gerry Scotti, Massimo Giletti, Carlo Conti, Piero Chiambretti e Paolo Bonolis. Sono stati proprio i cinque ospiti ad aprire la puntata - che inaugura una nuova struttura del programma dando maggiore spazio alla presenza in scena di Celentano -, presto raggiunti in studio dal cantautore milanese. “Ragazzi, non se avete capito, ma qui a questo tavolo c’è la televisione”, esordisce Celentano presentando i suoi compagni. E ancora: “Questi ragazzi rappresentano la nostra finestra sul mondo”. Segue poi una riflessione comune sulla televisione, sui suoi pregi e sui suoi limiti, ma anche sulle trasmissioni di ognuno degli ospiti.

Celentano lascia i suoi ospiti e si dirige verso il bancone del bar per cantare “La pubblica ottusità”. “Si potrebbe dire che Adrian è un urlo, un grido d’amore, ma soprattutto un grido d’aiuto”, riprende il cantante con un monologo, che con piglio ecologista allude alle “ferite del pianeta”. L’atmosfera si rabbuia: “Nelle prime quattro puntate mi avete condannato, accusandomi di essere poco presente, senza minimamente pensare ad Adrian, alle cose che aveva da dirvi. Adesso siete ritornati sperando che ora mi comporti diversamente dalla volta scorsa. Ah no, ragazzi, non avete capito niente allora”, dice Celentano, che conclude: “Stavolta ve lo do io il motivo per cambiare canale, perché io stavolta me ne vado, spegnete tutto”. E così fa, sparisce. Dopo qualche minuto, però, superati i tuoni e i fulmini il Molleggiato torna in scena sulle note del classico jazz “Minnie the Moocher”. A margine, gli ospiti lasciano lo studio, ballando. 

La trasmissione riprendere con un video d’archivio che ha come protagonisti Celentano e Luciano Ligabue, che chiacchierano sul futuro del pianeta e, nello specifico, delle sue risorse idriche. Il rocker di Correggio in carne ed ossa compare presto in studio e i due duettano su “Questo vecchio pazzo mondo”, la versione italiana di “Eve of Destruction” di Barry McGuire. Si torna poi a parlare di ambiente e acqua, ribaltando le parti del video di repertorio.

È ormai tempo che il personaggio di “Adrian”, il cartone ideato da Celentano e disegnato da Milo Manara, abbia il suo spazio. Riprende così le fila, da dove si erano interrotte, “la storia di Adrian, l’orologiaio”. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.