Pink Floyd, i 40 anni di “The Wall”: una canzone al giorno. “The trial”.

'The Wall' dei Pink Floyd è uscito il 30 novembre del '79. Per celebrare il compleanno di questo album epocale abbiamo deciso di presentarvelo integralmente, canzone per canzone; abbiamo iniziato il 4 novembre e concluderemo il 30 novembre prossimo

Pink Floyd, i 40 anni di “The Wall”: una canzone al giorno. “The trial”.

Il brano è introdotto dal cigolio del cancello della cella di Pink, seguono dei passi che si fermano, il rumore del martello del Giudice e l’inizio del processo; i vari personaggi che si avvicendano hanno caratteristiche fortemente caricaturali grazie alle splendide animazioni di Gerald Scarfe. Raccontiamo la canzone rifacendoci sia al brano del disco sia al corrispettivo cinematografico, per favorirne la comprensione. Al cospetto del Giudice, presentato dal Procuratore come “Vostro Onore il Verme”, Pink assume le sembianze di un pupazzo nudo e inerme, quello stesso pupazzo che all’inizio del concerto è posto a lato del muro e che sul finale di “The Trial” viene lanciato dall’alto della struttura. Vittima sacrificale dell’intera vicenda, il protagonista è accusato di essere stato “colto in flagrante mentre ostentava sentimenti di natura quasi umana, e ciò non va fatto”. Segue il Maestro, che assicura al Giudice: “Se mi avessero lasciato fare, lo avrei sistemato a dovere. Lasciatemelo martellare oggi!”. La Moglie scarica su Pink la responsabilità del matrimonio andato in pezzi, senza risparmiargli velenose invettive: “Piccolo stronzo, sei al fresco ora e spero buttino via la chiave. Avresti dovuto parlarmi di più, e invece no! dovevi andare per i cazzi tuoi. Hai distrutto altre famiglie di recente?”. Pink è accerchiato dai suoi accusatori quando irrompe prepotente la figura della Madre, ritratta dalla matita di Scarfe prima come un aereo in picchiata in soccorso del figlio, poi come una donna dalle possenti braccia fra le quali stritola il suo bambino: “Vieni dalla mamma, piccolino, fatti stringere tra le mie braccia. Vostro Onore il Verme, me lo lasci riportare a casa”.

Fluttuante in cielo come una foglia in balia del vento, Pink si libra inerme fra le pieghe della sua follia giurando di aver visto una via di uscita, “una porta quando sono entrato”. Ma non c’è scampo innanzi alla Corte: il Giudice ha i connotati grotteschi di un enorme deretano sorretto da due gambe tozze e possenti e il muro si restringe intorno a Pink sino a prendere le sembianze di una latrina. Il suo disprezzo è esplicitato dalle parole: “In tanti anni di magistratura non avevo mai sentito nessuno più meritevole del massimo della pena. Il modo in cui hai fatto soffrire la tua deliziosa moglie e tua madre mi fa venir voglia di defecare”. Segue il verdetto: colto a rivelare sentimenti umani tipici degli artisti e dei cuori solitari (come vedremo nella finale “Outside The Wall”), Pink è condannato a essere esposto ai suoi simili e il Giudice ordina l’abbattimento del muro. Il reboante finale della canzone passa attraverso due registrazioni effettuate da James Guthrie: l’urlo corale di alcuni componenti dello staff dei Britannia Row a ripetere “Tear down the wall” (“Abbattete il muro”), poi la deflagrazione di un cannone frammista a esplosioni e rumori di mattoni che cadono.

In “The Trial” tutte le voci dei personaggi del processo sono interpretate da Roger Waters, ognuna con sue peculiarità per distinguersi dalle altre, come se tutta la vicenda avvenisse per intero nella testa di Pink: uno spiccato accento dello Yorkshire per la Madre, una cadenza scozzese per il Maestro, un tono un po’ snob per il Giudice. La Moglie, invece, viene cantata con voce normale. Il coro è eseguito da due attrici di Los Angeles di cui sono noti solo i nomi: Vicky e Clare.

The Trial si ispira musicalmente a Kurt Weill e in particolare alle sue musiche per “L’opera da tre soldi” di Bertolt Brecht. Durante la lavorazione si intitolava “Trial By Puppet” e non era preceduta da “Stop”.

Caricamento video in corso Link

Domani scriveremo di “Outside the wall”.

Leggi qui la scheda di "Stop"

Leggi qui la scheda di “Waiting for the worms”

Leggi qui la scheda di “Run like hell”

Leggi qui la scheda di “In the flesh”

Leggi qui la scheda di “The show must go on”

Leggi qui la scheda di “Comfortably numb”

Leggi qui la scheda di “Bring the boys back home”

Leggi qui la scheda di "Vera"

Leggi qui la scheda di “Nobody home”

Leggi qui la scheda di “Is there anybody out there?”

Leggi qui la scheda di "Hey You"

Leggi qui la scheda di “Goodbye cruel world”

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 3"

Leggi qui la scheda di "Don't leave me now"

Leggi qui la scheda di "One of my turns"

Leggi qui la scheda di "Young lust"

Leggi qui la scheda di "Empty Spaces"

Leggi qui la scheda di "Goodbye blue sky"

Leggi qui la scheda di "Mother"

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 2"

Leggi qui la scheda di "The happiest days of our lives"

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 1"

Leggi qui la scheda di "The thin ice"

Leggi qui la scheda di "In the flesh?"

I testi sono tratti dal libro di The Lunatics “Pink Floyd. Il fiume infinito”, pubblicato da Giunti, per gentile concessione degli autori e dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “The Wall”.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/G-qmiiywP_fUXi3kVsePYy2P_o4=/700x0/smart/https%3A%2F%2Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%2FC2NX3-0kcZIi_WQepBtgLjSTcC0%3D%2F700x0%2Fsmart%2Fhttps%253A%252F%252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%252Fq6PYA9lzw2nvYyYX9fSO01PUuhI%253D%252F700x0%252Fsmart%252Fhttps%25253A%25252F%25252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%25252FEQOEG-T5IVlSf2zehpVYTFum5Y4%25253D%25252F700x0%25252Fsmart%25252Fhttps%2525253A%2525252F%2525252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%2525252FgLDXhjaxiA1fQTeCOgyt3CG11-k%2525253D%2525252F700x0%2525252Fsmart%2525252Fhttps%252525253A%252525252F%252525252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%252525252Fvc6JmRdVFwOaCLCU7Gaxb1UiAYc%252525253D%252525252F700x0%252525252Fsmart%252525252Frockol-img%252525252Fimg%252525252Ffoto%252525252Fupload%252525252Fcopertina-libro-pink-floyd.jpg

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.