Pink Floyd, i 40 anni di “The Wall”: una canzone al giorno. “Nobody home”.

'The Wall' dei Pink Floyd è uscito il 30 novembre del '79. Per celebrare il compleanno di questo album epocale abbiamo deciso di presentarvelo integralmente, canzone per canzone; abbiamo iniziato il 4 novembre e concluderemo il 30 novembre prossimo

Pink Floyd, i 40 anni di “The Wall”: una canzone al giorno. “Nobody home”.

Un cinico ritratto di Pink mediato da uno dei testi più sofferti dell’intero disco, un piccolo capolavoro dai contorni decadenti con un appassionante inciso di pianoforte eseguito da Bob Ezrin. La televisione è il leitmotiv d’apertura, cui si aggiungono rumori di strada e un urlo lacerante di Roger Waters: “Shut up!”. Il grido prosegue con la frase “I’ve got a little black book with my poems in” concatenandosi all’inizio del cantato.

Nella descrizione di Pink si concentrano pillole biografiche attinte da differenti storie di vita: ci sono Wright, Barrett e ovviamente lo stesso Waters. Compaiono, ad esempio, probabili riferimenti (non confermati da dichiarazioni ufficiali) ad alcuni vizi del tastierista legati ai suoi momenti personali più bui: “Ho le macchie di nicotina sulle dita / E un cucchiaino d’argento con catenella / E ho un grande pianoforte a coda / per sostenere i miei resti mortali”. Di Syd veniva rimarcata la “permanente obbligatoria alla Hendrix” e l’abitudine giovanile di non portare i lacci alle scarpe, utilizzando degli elastici per tenerle insieme. Le scarpe inglesi della Gohill, citate nel testo, erano indossate dal Crazy Diamond in alcune vecchie fotografie scattate da Mick Rock.

Tra le frasi più sentite della canzone svetta “I’ve got a strong urge to fly / but I got nowhere to fly to” (“Ho un grande bisogno di volare via ma non ho nessun posto dove volare”), segno inequivocabile del muro interiore che opprime il protagonista.

“Nobody Home” venne scritta e incisa in Francia: nasceva da una sequenza di battiti cardiaci creati da Waters con il VCS3. La televisione in sottofondo fu registrata negli Stati Uniti durante le fasi finali del confezionamento del disco; il programma – la sitcom americana “Gomer Pyle, U.S.M.C.”, ambientata nell’esercito – venne inciso su nastro da un apparecchio TV presente negli studi. La voce “surprise, surprise, surprise” udibile al minuto 3:01 è di Jim Nabors; dopo aver saputo di essere presente fra i solchi del disco, l’attore pretese e ottenne un compenso da Steve O’Rourke.

Domani scriveremo di “Vera”.

Leggi qui la scheda di “Is there anybody out there?”

Leggi qui la scheda di “Goodbye cruel world”

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 3"

Leggi qui la scheda di "Don't leave me now"

Leggi qui la scheda di "One of my turns"

Leggi qui la scheda di "Young lust"

Leggi qui la scheda di "Empty Spaces"

Leggi qui la scheda di "Goodbye blue sky"

Leggi qui la scheda di "Mother"

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 2"

Leggi qui la scheda di "The happiest days of our lives"

Leggi qui la scheda di "Another brick in the wall - Part 1"

Leggi qui la scheda di "The thin ice"

Leggi qui la scheda di "In the flesh?"

I testi sono tratti dal libro di The Lunatics “Pink Floyd. Il fiume infinito”, pubblicato da Giunti, per gentile concessione degli autori e dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “The Wall”.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/q6PYA9lzw2nvYyYX9fSO01PUuhI=/700x0/smart/https%3A%2F%2Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%2FEQOEG-T5IVlSf2zehpVYTFum5Y4%3D%2F700x0%2Fsmart%2Fhttps%253A%252F%252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%252FgLDXhjaxiA1fQTeCOgyt3CG11-k%253D%252F700x0%252Fsmart%252Fhttps%25253A%25252F%25252Fcdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com%25252Fvc6JmRdVFwOaCLCU7Gaxb1UiAYc%25253D%25252F700x0%25252Fsmart%25252Frockol-img%25252Fimg%25252Ffoto%25252Fupload%25252Fcopertina-libro-pink-floyd.jpg

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.