I Black Keys e quel furgone malandato

“El Camino” è l'album più rock’n’roll dei Black Keys? Cosa ascoltava il duo dell'Ohio quando lavorava al disco?

I Black Keys e quel furgone malandato

È stato il disco che più degli altri li ha fatti conoscere, quello che, sulla scia del successo del precedente “Brothers” del 2010, ha reso i Black Keys un fenomeno non più trascurabile: “El Camino” usciva nel 2011 e, trainato dal singolo “Lonely Boy”, rendeva omaggio ai primi anni del percorso artistico del duo dell’Ohio, quando Dan Auerbach e Patrick Carney si spostavano in lungo e in largo per il Paese con un furgono, El Camino appunto, scalcagnato. 

“Penso che questo disco sia certamente più rock’n’roll di quello passato. Questo è dovuto principalmente a quello che stavamo ascoltando mentre lo registravamo”, raccontava a Rockol il frontman Dan Auerbach nei giorni in cui l’ideale seguito di “Brothers” faceva il suo ingresso nel mercato, spiegando: “Ascoltavamo gli Invincibles, Gerry Butler e molto hip hop quando abbiamo fatto 'Brothers' mentre quando abbiamo realizzato quest’ultimo abbiamo ascoltato i Crash, i Cramps, The Sweet e cose del genere”.

Passando a un discorso più generale, poi, sul successo e sulle motivazioni che spingono i due musicisti di Akron a fare musica, Auerbach si era così espresso: “Non m’interessa il successo con il grande pubblico, mi interessa guadagnarmi da vivere. Non sto facendo finta che tutto quello che mi serve sono un cappello di paglia e una chitarra acustica, mi piace guadagnarmi da vivere. Ma del grande successo non mi interessa granché. Cose come i Grammy sono molto belle, ma non facciamo musica perché vogliamo vincere dei premi. Io mi sento nato solo per fare il musicista, quindi…”. Il video completo dell’intervista lo trovate qui sotto:

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.