Gio Evan e la sua ‘Natura molta’ tra musica e poesia

“Bisogna sempre invertire le cose, quando hai qualcosa che ti fa male dentro bisogna darle nuova vita, nuovo battesimo": Gio Evan, cantautore e poeta, racconta "Natura molta", il doppio album diviso tra le due anime dell'artista.

Gio Evan e la sua ‘Natura molta’ tra musica e poesia

“Il concetto di natura morta ha generato tante crepe in me”, spiega Gio Evan dipanando il cuore di “Natura molta”, l’ultimo capitolo discografico del cantautore pugliese disponibile dallo scorso 25 ottobre. Racconta Giovanni Giancaspro: “Bisogna sempre invertire le cose, quando hai qualcosa che ti fa male dentro bisogna darle nuova vita, nuovo battesimo, bisogna riannaffiare diversamente”. E così ecco “Natura molta”, che è “il contrario di natura morta, è far diventare protagonista un oggetto animato”, un doppio album composto da dieci canzoni e dieci poesie, diviso quindi tra due delle molte anime di Gio Evan, che è cantautore, poeta ma anche scrittore, performer, cantautore e artista di strada. Un lavoro - capitanato dai brani “Himalaya Cocktail”, “Amazzonia” e “Klimt”, il cui video è stato condiviso oggi con il popolo del web – che vede Gio Evan più soddisfatto del risultato dato dall’unione delle due metà rispetto al precedente doppio album, “Biglietto di solo ritorno”, pubblicato lo scorso anno. “Sono più soddisfatto rispetto al disco precedente. La musica ha forse troppa poesia, mentre la poesia non ha troppa musica”, spiega facendo notare come citare nei suoi brani Fibonacci o Jodorowsky possa “creare dei contrasti nell’ascoltatore, che magari ha bisogno di sentirsi dire cose più dirette”. 

Tra i compagni di viaggio di Gio Evan in “Natura molta” ci sono anche il bassista degli Afterhours Dellera, al secolo Roberto Dell’Era, in “Giacca avvento”, e l’inglese Tom Rosenthal in “Metodo”, due featuring che il cantautore di Molfetta ripercorre così: “Ho lacrimato per Dellera quando andai a vedere gli Afterhours a Bologna. Lui giace in amori esoterici con quel basso. Ci rimani, piansi, dissi chi è costui?”. Quanto a Tom Rosenthal, Gio Evan spiega che si tratta di uno dei suoi cantautori preferiti, un artista che ha sempre ascoltato. La genesi della collaborazione non ha particolari colpi di scena che vadano oltre la stima reciproca: “Dopo aver sentito la demo ha voluto esserci”.

Caricamento video in corso Link

Il disco, pubblicato nei formati vinile e digitale, sarà poi portato sui palchi italiani a partire dal prossimo 27 novembre, quando Gio Evan e la sua band, accompagnati da una piccola orchestra, andranno in scena ai Magazzini Generali di Milano, per poi spostarsi al Monk di Roma e a seguire nelle altre città interessate dalla tournée: nell’ordine, Napoli, Firenze, Taneto di Gattatico, Cesena, Conversano, Brescia, Bologna, Roncade, Livorno e infine Venaria Reale. 

Dall'archivio di Rockol - Gio Evan racconta "Natura molta"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.