Nick Mason parla di “A Momentary Lapse of Reason”

Il batterista dei Pink Floyd ricorda il primo album della band senza Roger Waters.

Nick Mason parla di “A Momentary Lapse of Reason”

In una intervista rilasciata alla rivista britannica Uncut il batterista dei Pink Floyd Nick Mason ha ammesso che “A Momentary Lapse of Reason”, il primo album dei Pink Floyd senza Roger Waters, si era trasformato in un affare ‘esagerato’. Il disco venne pubblicato nel 1987, dopo che Waters se ne andò e durante la seguente disputa legale per impedire alla band di continuare sotto la guida di David Gilmour.

Dice Mason:

"Non è che non volessi continuare - l'ho fatto - ma non credo che mi importasse così tanto come importava a David. Saremmo stati in parte negli studi di registrazione e in parte nell'ufficio degli avvocati. 'Roger stava per essere diffidato?' E la risposta era, ovviamente, perché lui aveva lasciato la band e l'unica cosa chiara in tutti i nostri accordi contrattuali era che se qualcuno se ne andava, o se ne andavano, la band continuava senza di loro... Questo dava a me e a David l'autorità di andare avanti”.

E continua:

“In un certo senso abbiamo messo tutto dentro (l'album)... C'era un senso di trepidazione su come sarebbe stato senza Roger, quindi abbiamo leggermente esagerato con il numero di musicisti. Alcune cose sono eccessivamente prodotte, troppe cose”.

L'ingegnere di studio Andy Jackson ha ricordato:

"Stavamo cercando di creare qualcosa che rispecchiasse il suono del tempo, il che significa ovviamente che col passare del tempo finisce per sembrare datato".

Ricorda che il produttore Bob Ezrin faceva ascoltare alla band una ‘pila di CD’ per illustrare ‘quello che sta succedendo ora’, e aggiunge:

"Nell'86, il digitale era molto in prima linea. “Brothers In Arms” (album dei Dire Straits pubblicato nel 1985) era appena uscito e aveva un suono molto particolare e quello era ciò a cui, disse Bob, dovevamo puntare."

Il bassista Guy Pratt che fece parte della formazione live dei Pink Floyd per il tour dell'album, riflettè:

"Pensavo che non suonasse davvero come un disco dei Pink Floyd, ma era un ottimo disco. È molto del suo tempo: i Floyd erano adatti alla magniloquenza degli anni '80."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.