John Lodge ricorda come nacque il prog rock

Il bassista dei Moody Blues torna a ritroso nel tempo.

John Lodge ricorda come nacque il prog rock

I Moody Blues sono considerati tra i pionieri di quel genere musicale che viene identificato come progressive rock. Ultimate Classic Rock ha incontrato il bassista e cantante della storica band inglese John Lodge

Ha detto Lodge:

“Li ho incontrati per la prima volta (gli Yes) nei primi anni Settanta, penso facemmo qualche concerto insieme. Ma quei giorni sono andati e tutto è un po’ sfocato. Non sono così sicuro che abbiamo fatto dei concerti insieme o se ho semplicemente visto la band e sono rimasto sul palco ad ascoltarli con Chris Squire e Steve (Howe) e quelli che c’erano”.

Di quel periodo alla fine degli anni Sessanta Lodge dice:

“È stato semplicemente un grande momento. Stavamo tutti facendo progredire la nostra musica in un modo diverso dalla musica che c’era in radio. Andavamo in un posto diverso e per me fu davvero interessante ascoltare gli Yes e vedere fino a che punto avevano esteso l’adeguamento musicale della loro musica e ciò che vedevano essere il rock 'n' roll”.

Quando parla di ‘rock'n'roll’, Lodge osserva che lui e gli artisti britannici trassero ispirazione dalla musica che ascoltavano che proveniva dagli Stati Uniti e svilupparono "la britannicità del rock britannico", che, dice, si è evoluta nel rock progressivo.

Ripensando alla musica fatta dai Moody Blues, insieme ai loro contemporanei Yes, Genesis, Emerson, Lake & Palmer, solo per citarne alcuni, è sorprendente pensare alla loro capacità di muoversi con l'evoluzione della tecnologia, che, a volte, si sviluppava mentre creavano un album.

Ammette Lodge:

“Abbiamo solo pensato, fino a che punto possiamo spingerci in là? Penso che a quel tempo stesse arrivando la tecnologia, il che è stato davvero positivo per noi. Quando abbiamo realizzato “Days of Future Passed” (nel 1967), registrammo l'album su quattro tracce. Ok, avevamo un paio di macchine a quattro tracce, ma è stato fatto su quattro tracce. In “Search of the Lost Chord” (nel 1968), le ultime sessioni vocali sono state su "Ride My See-Saw". La facemmo su una macchina a otto tracce che arrivò l'ultimo giorno di registrazione, quindi su quella abbiamo fatto più tracce vocali. Poi avemmo il 16 tracce. Quindi, mentre cercavamo di espanderci, la tecnologia ci ha permesso di espanderci ancora di più”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.