All That Remains, ancora aperte le indagini sulla morte di Oli Herbert

A un anno di distanza dalla scomparsa del chitarrista, le autorità americane stanno ancora cercando di fare luce sulla triste e intricata vicenda. E sotto la lente degli inquirenti finisce anche la vedova Elizabeth

All That Remains, ancora aperte le indagini sulla morte di Oli Herbert

Secondo quanto riferito dalla testata locale Hartford Courant, la polizia americana non avrebbe ancora chiuso il fascicolo riguardante la morte di Oli Herbert, cofondatore degli All That Remains scomparso esattamente un anno fa all'età di 44 anni in circostanze mai del tutto chiarite: le autorità di Hartford, nel Connecticut, hanno disposto il sequestro dei registri telefonici e telematici della vedova del musicista, Elizabeth Herbert, indicata nel testamento dello scomparso sodale di Philip Labonte come sua unica erede. Gli investigatori, inoltre, starebbero compiendo analisi sulle volontà di Herbert, sottoscritte appena una settimana prima della sua scomparsa, dove è menzionata una polizza vita la cui beneficiaria sarebbe - ovviamente - la vedova.

Come riferisce Blabbermouth tra la donna e i colleghi e i familiari dell'ormai defunto marito non è mai corso buon sangue. Prima ancora che Elizabeth intentasse cause alla band di "A War You Cannot Win" reclamando presunti proventi a lei spettanti in quanto erede dell'ex compagno di gruppo, il frontman degli All That Remains Phil Labonte si espresse molto duramente nei confronti della donna definendola "una spazzatura di essere umano" e bandendola dagli show della sua band: "Ho un'idea di come sia andata [la morte di Oli], ma non ve la dirò", dichiarò qualche mese fa il frontman a proposito della vicenda, "E' in corso un'indagine della polizia di stato".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.