Quando Serj Tankian parlava di estinzione di massa

Nel 2012 il frontman dei System of a Down presentava il suo terzo album da solista, anticipando temi oggi molto attuali...

Quando Serj Tankian parlava di estinzione di massa

Dopo "Elect the Dead" del 2007 e "Imperfect Harmonies" del 2010, nel 2012 il frontman dei System of a Down Serj Tankian pubblicava il suo terzo album da solista, "Harakiri". Davanti alle telecamere di Rockol, l'artista americano di origini armene aveva spiegato come la molla che lo spinse ad assemblare la sua terza fatica discografica in proprio fosse stato un tema che, negli anni a venire, sarebbe diventato estremamente attuale: il pericolo di estinzione di massa causato dall'impatto ambientale che l'attività umana ha sull'ecosistema terrestre.

Caricamento video in corso Link

"'Harakiri' è una parola giapponese che significa 'taglio orizzontale nell'addome', una forma di suicidio rituale nota anche come 'seppuku'. E' un modo nobile per togliersi la vita. L'ho scelto come titolo del disco perché è il primo brano che ho scritto ormai nel gennaio del 2011 per questo nuovo album. Il pezzo è una riflessione sulla gravosa moria di pesci e di uccelli in tutto il mondo. In tre settimane di quel gennaio migliaia di esseri viventi sono scomparsi dalla Terra. E' stato un evento che mi ha colpito molto, una sorta di catastrofe causata dagli uomini, dal sapore biblico. E' stato l'input che ha fatto nascere l'intero disco".

"Il resto delle canzoni sono nate a distanza di un anno, sono stato molto impegnato con altri progetti tra cui un musical, un libro, altri tre dischi. Le tematiche trattate nell'album sono una sorta di percorso, un flusso che si snoda tra i temi caldi di politica, società, ambiente ed economia, interpretati secondo il mio punto di vista".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.