La storia di "Let it be" dei Beatles

Il classico dei Fab Four torna in formato vinile: è in edicola dal 5 ottobre, nella collana The Beatles Vinyl Collection di DeAgostini

La storia di "Let it be" dei Beatles

Registrato quasi interamente in presa diretta nel gennaio del 1969, senza l'aggiunta di sovraincincisioni, Let It Beviene pubblicato l'anno successivo, per la precisione l’8 maggio 1970 in coincidenza con l’uscita dell'omonimo film documentario.
È passato un mese dall'annuncio di McCartney relativo allo scioglimento del gruppo e, infatti, nessuno di loro è presente alla proiezione della pellicola.

La produzione del dodicesimo e ultimo album dei Beatles viene affidata a Phil Spector che ne cura il mixaggio, oltre alle parti corali e orchestrali.
Gli interventi di Spector creano non pochi dissapori con Paul - che, infatti, giudicò poi Let It Be... Naked, uscito nel 2003, più fedele all'idea originale, spoglia dei ritocchi del produttore ritenuti eccessivamente barocchi.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.