Pino Daniele live a San Siro 1980: storia di un bootleg nel cassetto

Il 27 giugno di 39 anni fa l'artista napoletano apriva il leggendario concerto di Bob Marley al Mezza di Milano. E veniva registrato...

Pino Daniele live a San Siro 1980: storia di un bootleg nel cassetto

L'embargo del grande rock dal vivo internazionale nei confronti dell'Italia flagellata dagli anni di piombo ha date di inizio e di fine piuttosto precise, che in comune hanno una città: Milano. Il bando emanato in seguito ai disordini scoppiati al velodromo Vigorelli il 5 luglio del 1971 in occasione della famigerata ospitata dei Led Zeppelin al Cantagiro venne informalmente revocato il 27 giugno di nove anni dopo, quando Bob Marley planò insieme ai suoi Wailers in un Meazza che, per l'occasione, ricevette il suo battesimo per i grandi eventi live.

I cancelli della Scala del Calcio, il 27 giugno 1980, li varca anche Fabio, storico appassionato milanese e collezionista di nastri. Con sé ha un microfono, un registratore Sony Wm-d6c e una cassetta. Prima del profeta di Kingston, che il giorno precedente si era esibito a Torino, come "spalla" sale sul palco quello che lui ricorda come una "giovane promessa", Pino Daniele. Fabio non ci bada troppo: è ancora nel prato, a centrocampo, davanti alla transenne della torre dei mixer, immerso nella folla che non aspetta altri se non Marley, ma il pulsante "rec" - quando il bluesman napoletano inizia il suo set - lo preme lo stesso. Fabio si muove, riprende l'esibizione in un Meazza stracolmo finché non si ritrova al primo piano rialzato della torre dei mixer quando i Wailers salgono sul palco. Il registratore continua ad andare. Dal Sony Wm-d6c di Fabio, quella sera, è passato un pezzo di storia: nei decenni che seguiranno, la serata verrà ricordata in toni - talvolta esageratamente enfatici - come quella della consacrazione definitiva del cantautore e chitarrista partenopeo.

Passano più di trent'anni e Massimo e Mattia, collezionisti e gestori del canale YouTube TheVinylBuzz, entrano in contatto con Fabio: a loro interessano solo determinate registrazioni - tra le altre, quella, leggendaria, del secondo passaggio dei Nirvana al Bloom di Mezzago, nel 1991 - ma Fabio, evidentemente, ha problemi di spazio, e gli offre di rilevare l'intero archivio accumulato negli anni. Massimo e Mattia accettano, e oltre 5000 cassette con registrazioni originali - e inedite - passano di mano.

"Stavamo facendo ordine nell'archivio, perché non tutte le cassette dateci da Fabio erano elencate nella lista che ci aveva dato", ci ha raccontato Massimo: "Così scopriamo che oltre che al concerto di Bob Marley, su nastro, era presente anche il set d'apertura di Pino Daniele". I due appassionati sanno di avere in mano un documento importante, ma vogliono agire nella legalità: la voce di "Je so' pazzo" era scomparsa da poco, così Massimo e Mattia iniziano a cercare gli ex componenti della band dell'artista. "Dopo diverse telefonate siamo stati contattati dal manager di James Senese, che ci ha girato un numero dell'avvocato della famiglia di Pino". Il legale suggerisce ai due di rivolgersi alla casa discografica: "L'etichetta ci ha fissato un appuntamento a gennaio, e pareva entusiasta", racconta Massimo: "Si era detta molto interessata, perché - come ci ha spiegato il responsabile che ci ha ricevuti - di Daniele, in archivio, non avevano più niente".

Nel processo di pubblicazione di un live album, le prove di mastering sono in pratica l'ultimo miglio: "Dopo un colloquio preliminare la casa discografica ci ha chiesto dei campioni di audio per fare delle prove di masterizzazione". Poi, il nulla. Improvvisamente il canale tra i collezionisti e l'etichetta si interrompe. "Da inizio estate non abbiamo più avuto loro notizie", racconta Massimo: "Abbiamo cercato di ricontattarli, ma senza mai ricevere risposta". Sul perché della cessazione improvvisa delle trattative i collezionisti riescono solo a fare ipotesi, in mancanza di riscontri oggettivi: "O sono entrati in possesso di un'altra registrazione, magari effettuata da canali tecnicamente più affidabili come l'uscita del banco mixer, oppure il loro silenzio resta inspiegabile".

Fatto sta che la registrazione del concerto di Pino Daniele in apertura alla data milanese di Bob Marley è ancora sul nastro di Fabio, appannaggio esclusivo dei proprietari: "Volendo potremmo anche diffonderla per canali non ufficiali", conclude Massimo, "Ma non siamo noi a detenere i diritti sul materiale inciso su nastro, e vogliamo muoverci nelle completa legalità”.

Ecco, di seguito, la scaletta dei brani eseguiti da Pino Daniele il 27 giugno 1980 in apertura al concerto di Bob Marley:

"Sotto 'o sole"
"Uè man!"
"Chillo è nu buono guaglione"
"Voglio di più"
"Je so' pazzo"
"Musica musica"
"A testa in giù"
"Quanno chiove"
"A me me piace o' blues" 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.