Metallica, la band vince la battaglia sul merchandise in Cile

I Metallica potranno vendere nel paese sudamericano i loro prodotti di merchandise per la prima volta in più di un decennio.
Metallica, la band vince la battaglia sul merchandise in Cile

Dopo l’ultimo tentativo, fallito, nel 2012 i Metallica sono infine usciti vittoriosi dalla battaglia legale che ha visto i pesi massimi dell’heavy contrapporsi a un marchio di vestiti e scarpe, registrato in Cile da Horacio Mardones, che riprendeva l’aspetto del marchio Metallica pur senza riconoscere a James Hetfield e compagni alcun diritto relativo ai prodotti. Secondo quanto riferito da Bloomberg Law lo scorso 3 ottobre la diatriba si sarebbe definitivamente chiusa in favore dei Metallica, rendendo concreta per la formazione statunitense, d’ora in poi, la possibilità di vendere nel paese sudamericano i suoi prodotti di merchandise per la prima volta in più di un decennio, da quando cioè la disputa con Mardones aveva preso il via.

“Siamo riusciti a dimostrare che il marchio Metallica è ben noto all’esterno e che il signor Mardones lo stava usando in cattiva fede”, ha dichiarato l’avvocato della band di “The Unforgiven” Ricardo Montero dopo che la Corte cilena ha dichiarato non più utilizzabile il marchio di Montero.

Sul finire dello scorso mese i Metallica hanno fatto sapere che gli impegni dal vivo del gruppo sui palchi di Australia e Nuova Zelanda non potranno essere portati a termine per poter permettere al frontman della band, James Hetfiled, di intraprendere un percorso di riabilitazione. Il musicista ha ricevuto il supporto e la solidarietà di molti colleghi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.