UK, le indies insorgono contro la classifica singoli+download: 'Ci penalizza'

E’ troppo presto, persino in Inghilterra, per una classifica combinata di Cd singoli e download da Internet realmente rappresentativa dei gusti del pubblico e degli acquisti sul mercato? Così sostiene l’associazione inglese delle etichette indipendenti Aim, i cui sforzi di far slittare il debutto della nuova “chart” ufficiale, fissato per domenica 17 aprile, sono tuttavia risultati vani anche perché, forse, partiti in ritardo.

Le indies inglesi, molte delle quali non hanno ancora relazioni commerciali continuative con alcuni dei “negozi” digitali inseriti nel campione, ritengono di poter essere pesantemente penalizzate da una classifica congiunta, e tramite l’organizzazione di categoria hanno presentato un esposto all’’Office of Fair Trading, l’ufficio governativo che vigila sulla concorrenza, per chiedere un rinvio della pubblicazione della chart. “Come tutti abbiamo interesse a che i dati dei download vengano inclusi nel computo delle classifiche, ma al momento la catena che deve produrre i dati non è ancora sufficientemente sviluppata. E’ come far nascere un bambino prematuro” ha sostenuto il presidente dell’Aim Alison Wenham, citando presunti errori rilevati nel sistema e il fatto che negozi importanti come iTunes hanno fornito in ritardo i primi dati di vendita infrasettimanali su cui la prima classifica congiunta è stata costruita. “Pubblicare una classifica errata avrebbe serie conseguenze commerciali per i nostri associati dal momento che orienta le playlist delle radio, la programmazione TV, la realizzazione delle compilation, le licenze internazionali e altro ancora. Con questo sistema possiamo aspettarci l’uscita di due o tre titoli indipendenti dalla Top 40, ogni settimana”. .


L’ente preposto alle classifiche, la Official Charts Company, ha risposto di non avere ricevuto nessuna notifica dall’Office of Fair Trading e che ormai è troppo tardi per fermare la macchina. I suoi portavoce replicano di essere sicuri dell’attendibilità della classifica, “dopo 18 mesi di sviluppo e di lavoro che hanno visto sia i negozi di download che le etichette discografiche, grandi e piccole, produrre il massimo sforzo per collaborare”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.