Amici come prima: joint venture tra Simmons e Reid (Island Def Jam)

Russell Simmons, padre (co)fondatore della Def Jam, e Antonio "L.A. Reid", nuovo comandante in capo dell’etichetta (che ora, sotto l’ombrello di Universal, si chiama Island Def Jam) hanno dimenticato le antiche ruggini e fatto pace. Non è passato molto tempo da quando Simmons, una delle figure più influenti dell’hip hop americano, aveva espresso pubblicamente attraverso una lettera aperta distribuita alla stampa le sue perplessità circa le strategie e lo stile di direzione di Reid, salito al trono della sua ex etichetta lo scorso anno (vedi News). Ma ora il produttore ha fatto marcia indietro e sepolto l'ascia di guerra, ottenendo in cambio la presidenza di una nuova società creata in joint venture al 50 % con la stessa Island Def Jam e che porterà il suo nome, Russell Simmons Group.
Tutti contenti, e prodighi di complimenti reciproci, i protagonisti della vicenda. Parlando del partner riconquistato, Reid lo ha definito “un innovatore che guarda sempre avanti e ha una profonda percezione di ogni sfumatura nell’evoluzione del movimento hip hop”. Mentre Simmons ha fatto sapere che il suo ripensamento è dovuto proprio “alla possibilità di lavorare a stretto contatto con L.A. Reid, Jay-Z (numero due della Island Def Jam) e Reverend Run (suo fratello Joseph, già frontman dei Run DMC) e di aiutare e proteggere i giovani artisti che cercano la verità dentro di sé e vogliono esprimerla a un mondo assetato di cultura hip hop”.
A dargli man forte nella nuova impresa ci sarà un suo fedelissimo, quel Tony Austin già al suo fianco come uomo A&R ai tempi della Def Jam e fondatore di King Shah Productions/Chocolate City Music. Oltre al nuovo Cd di Reverend Sun il RSMG pubblicherà prossimamente anche il nuovo album del trio r&b al femminile Buddafly.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.