Spotify nel mirino della NMPA

Polemica sull'interpretazione degli sconti per famiglie

Spotify nel mirino della NMPA

La National Music Publishers Association (NMPA) e Spotify sono impegnate in una lotta all'ultimo colpo. Dopo l'annuncio di Spotify che sostenva di avere pagato in eccesso gli editori musicali, la NMPA ribatte a tono con una lettera in cui sostiene che tutto ciò non sia vero e basato su una lettura errata legata ai dati dello sconto praticato a chi aderisce al piano per famiglie.

Il motivo di disaccordo è l'interpretazione del piano per famiglie: ovvero se sia applicabile solo a chi è effettivamente legato da vincoli di sangue (la NMPA la pensa così) oppure se possa essere attivato anche per chi vive solo sotto allo stesso tetto (il modello utilizzato da Spotify). Vedremo ora chi la spunterà...

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.