Glenn Hughes racconta: "Come sono entrato nei Deep Purple..."

Il leggendario bassista ricorda come fece ingresso nella formazione della band britannica

Glenn Hughes racconta: "Come sono entrato nei Deep Purple..."

L'ex bassista dei Deep Purple, Glenn Hughes, ora fa parte del supergruppo Black Country Communion. Recentemente si è esibito, in veste solista, allo Stonedeaf Festival di Coddington (UK) e ha rilasciato un'intervista in cui ha parlato dei progetti futuri e dei vecchi tempi.

In particolare, ha raccontato come nel 1973 si trovò a entrare nei Deep Purple. Ai tempi dei Trapeze, spiega Hughes, conosceva la band ma non in modo approfondito:

Vivevo on the road in America e le uniche cose che avevo sentito dei Deep Purple - non ascoltavo molto la radio, non sono mai stato un tipo da radio - erano "Highway Star", "Hush" e "Smoke On The water". Erano tre pezzi giganteschi.

I Deep Purple, però, si fecero vivi con Hughes già nel 1972 con una proposta:

Fra il 1972 e il 1973 mi chiesero spesso di unirmi alla band per un anno: in pratica flirtavano con me. Vollero incontrarmi. [...] In aprile del 1973 suonavo a Baltimora, Maryland, e avevo due giorni liberi. Loro negli stessi giorni suonavano a New york al Madison Square Garden. Jon Lord mi telefonò e mi disse: "Vuoi venire a cena domani sera? Abbiamo un concerto. Dopo lo show possiamo uscire". Li vidi suonare e furono straordinari. Erano un vulcano. Il giorno dopo mi trovai seduto con Jon Lord, Ian Paice and Ritchie Blackmore. Non c'erano Ian Gillan e Roger Glover. Non capivo cosa stava succedendo. Ma dopo mezz'ora i loro due manager e il loro avvocato dissero: "Ci piacerebbe che tu ti unissi alla band". Io risposi: "Io?". E loro: "Vorremmo che tu suonassi il basso". [...] E Ritchie aggiunse: "Vogliamo trovare un altro cantante, così avremo due cantanti". Insomma volevano qualcuno che suonasse il basso, ma fosse anche in grado di cantare e poi un nuovo membro che non ricordasse Ian Gillan.

I Deep Purple poi spiegarono a Hughes che avevano intenzione di arruolare Paul Rodgers - grande amico di Glenn - come frontman:

Appena dissero Paul Rodgers una vocina mi sussurrò nella mente: "Immagina tu e lui che cantate insieme. Ok, penso che accetterò".

Ma il destino beffardo aveva in mente un bel tiro:

Ovviamente tre giorni dopo, quando iniziò a girare la notizia che mi ero unito alla band, Paul iniziò coi Bad Company. Cosa dovevo fare? Feci amicizia con Ian Paice. E andai a vivere con lui.

Da lì a qualche settimana la band avrebbe reclutato David Coverdale come cantante.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.