Led Zeppelin, quella volta che Myles Kennedy fu chiamato come sostituto di Robert Plant

Lo ha rivelato il cantante degli Alter Bridge - e collaboratore di Slash - in una recente intervista: 'Ancora oggi mi chiedo: è successo davvero?'

Led Zeppelin, quella volta che Myles Kennedy fu chiamato come sostituto di Robert Plant

La vicenda, ai più, è nota: nel 2008, pochi mesi dopo lo storico concerto - reunion del 10 dicembre del 2007 a Londra in occasione del memoriale intitolato al discografico Ahmet Ertegun - si vociferò di un tour mondiale che avrebbe riportato i Led Zeppelin sui palchi dopo oltre vent'anni di inattività. Robert Plant rifiutò l'offerta (secondo alcune indiscrezioni milionaria), lasciando Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham - il figlio di Bonzo già chiamato sul palco della O2 Arena, nella capitale britannica, qualche mese prima - con un importante spazio da riempire.

Tra i possibili "sostituti" al microfono della leggendaria voce di "Immigrant Song" furono indicati, tra gli altri, il frontman degli Aerosmith Steven Tyler e il cantante degli Alter Bridge Myles Kennedy. Quest'ultimo, intervistato da Ultimate Guitar, ha raccontato in prima persona quanto accaduto, ridimensionado le voci circa un'eventuale sostituzione in pianta stabile di Plant nella line-up di una delle più grandi rock band della storia.

"In origine doveva essere un progetto", ha spiegato Kennedy: "Non credo che avrebbero usato il nome Led Zeppelin. Ma il fatto che le persone coinvolte fosse gli ex Led Zeppelin aveva creato sicuramente molta pressione, in senso positivo. Così quando mi è arrivata la telefonata per avvisarmi che sarei volato a Londra a incrontrare quei ragazzi per me è stato come un sogno diventato realtà. E' successo più di dieci anni fa, ormai, ma ancora oggi - quando ci penso - devo darmi un pizzicotto e chiedermi: 'Ma è successo davvero?'. Senza dubbio, è stato uno dei momenti più importanti della mia carriera".

Le session di prova con un cantante che non fosse Plant, all'epoca, furono confermate dalla stessa band, senza però lasciar intuire l'identità dell'artista chiamato a ricevere la pesantissima eredità: nonostante tra le ipotesi fosse stata avanzata anche quella di Kennedy - oggi confermata dal diretto interessato - il progetto sfumò.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.