Maya Hawke: guarda il video di "To Love a Boy"

E' stata pubblicata la clip di una delle due canzoni interpretate dalla figlia degli attori Uma Thurman e Ethan Hawke presente nel cast della serie televisiva 'Stranger Things' e nell'ultimo film di Quentin Tarantino ‘C’era una volta a…Hollywood’.
Maya Hawke: guarda il video di "To Love a Boy"

La scorsa settimana vi avevamo dato notizia che la ventenne Maya Hawke – figlia degli attori Uma Thurman e Ethan Hawke e attrice anch’essa nella terza stagione della serie televisiva targata Netflix ‘Stranger Things’, dove intepreta la parte di Robin Buckley – aveva pubblicato i singoli “Stay Open” e “To Love a Boy”.

Di quest’ultimo brano ora è disponibile il video che potete vedere più sotto. La canzone è stata scritta dalla Hawke per quanto riguarda il testo, mentre la musica è a cura di Jesse Harris (già al lavoro con Lana Del Rey e Norah Jones, tra gli altri).

Caricamento video in corso Link

Parlando con il magazine Pitchfork la Hawke riguardo la canzone ha detto:

“Dopo aver visto il film ‘Call Me by Your Name’ per la seconda volta, ho lasciato il teatro e stavo camminando verso il mio appartamento a Brooklyn. E ho iniziato a pensare alle immagini dell'acqua e al romanticismo presente in quel film. Ero piena di questa intensa gelosia e del desiderio di essere innamorata e di sentirmi in quel modo. Poi ho scritto il testo di "To Love a Boy" come fosse una poesia e l’ho inviato a Jesse Harris, e lui ha scritto quella melodia, e io l'ho adorata. Parla della realtà dei sogni in cui potresti amare qualcuno in un modo che consuma tutto, dove ti senti come quando nuoti nell'oceano in una calda giornata estiva. Quando stavo facendo un brainstorming sul video, ho iniziato a pensare a una sirena che veniva a riva e che voleva amare un ragazzo tanto quanto amava l'oceano. Quindi ho deciso che il video sarebbe stato più interessante se l'interesse amoroso del video fosse l'oceano e riguardasse la sua ricerca per tornare nell'oceano. Sono un attrice professionista, ma non sono un musicista professionista, quindi volevo fare una cosa che non fosse professionale. Quindi ho speso tutti i miei soldi per realizzare il video e ho dovuto noleggiare il costume da sirena, alla fine è stato incredibilmente di merda, ma in un modo che penso sia davvero divertente”.

Maya Hawke recita anche nell’ultimo film di Quentin Tarantino, ‘C’era una volta a…Hollywood’, la cui uscita è attesa nelle sale cinematografiche italiane per il prossimo 18 settembre. Nella nuova pellicola del regista di origine italiana, Maya interpreta la parte di Linda Kasabian, una delle persone facenti parti della famiglia di Charles Manson che partecipò al massacro di Bel Air nel 1969 dove venne trucidata l’attrice Sharon Tate, moglie del regista Roman Polanski. Da Linda Kasabian prende il nome la band inglese dei Kasabian.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.