Rockol Awards 2021 - Vota!

MusicNet in deficit, RealNetworks & C. trovano un acquirente

Musica e finanza intrecciano ancora una volta le loro strade, come sempre più spesso accade in questi anni di conti in rosso e di scommesse sul futuro digitale. MusicNet, prima piattaforma in assoluto per il downloading autorizzato di musica on-line (vedi News), è stata ceduta alla società di investimenti Baker Capital per una cifra stimata tra i 20 e i 30 milioni di dollari: fondata nel 1999, era stata creata da Bertelsmann (BMG), EMI e Time Warner (allora titolare di Warner Music) insieme al partner “tecnologico” RealNetworks. Tra i clienti dei suoi servizi “business to business” si contano AOL Music (soprattutto), Virgin Digital, HMV Group e Trans World Entertainment: ma proprio a causa della sua impostazione b2b, come il contemporaneo pressplay di Sony e Universal (vedi News), l’impresa non era mai veramente decollata, cedendo presto il passo a concorrenti che si indirizzano direttamente al consumatore finale come l’iTunes di Apple Computer, Napster e MusicMatch (oggi controllato da Yahoo!, vedi News). I bilanci 2004 di RealNetworks, che detiene tuttora il 40 % circa delle azioni, avevano indicato un deficit di 4 milioni di dollari, rendendo consigliabile la vendita (anche perché nel frattempo la società di Rob Glaser ha acquistato anche Listen.com e la piattaforma concorrente Rhapsody, vedi News).
    Musica e finanza intrecciano ancora una volta le loro strade, come sempre più spesso accade in questi anni di conti in rosso e di scommesse sul futuro digitale. MusicNet, prima piattaforma in assoluto per il downloading autorizzato di musica on-line (vedi News), è stata ceduta alla società di investimenti Baker Capital per una cifra stimata tra i 20 e i 30 milioni di dollari: fondata nel 1999, era stata creata da Bertelsmann (BMG), EMI e Time Warner (allora titolare di Warner Music) insieme al partner “tecnologico” RealNetworks. Tra i clienti dei suoi servizi “business to business” si contano AOL Music (soprattutto), Virgin Digital, HMV Group e Trans World Entertainment: ma proprio a causa della sua impostazione b2b, come il contemporaneo pressplay di Sony e Universal (vedi News), l’impresa non era mai veramente decollata, cedendo presto il passo a concorrenti che si indirizzano direttamente al consumatore finale come l’iTunes di Apple Computer, Napster e MusicMatch (oggi controllato da Yahoo!, vedi News). I bilanci 2004 di RealNetworks, che detiene tuttora il 40 % circa delle azioni, avevano indicato un deficit di 4 milioni di dollari, rendendo consigliabile la vendita (anche perché nel frattempo la società di Rob Glaser ha acquistato anche Listen.com e la piattaforma concorrente Rhapsody, vedi News).

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.