La Monsanto sta tenendo d’occhio Neil Young

Il Guardian è entrato in possesso di alcuni documenti che mostrano come la Monsanto non abbia affatto dimenticato le critiche mosse nei suoi confronti da Neil Young.

La Monsanto sta tenendo d’occhio Neil Young

Il colosso dell’agrochimica Monsanto sta tenendo d’occhio Neil Young. A riferirne è il Guardian, che è entrato in possesso di documenti pubblici del tribunale a proposito delle battaglie legali che la società produttrice di sementi modificate geneticamente sta portando avanti. Nello specifico, la Monsanto, scrive il giornale britannico, avrebbe un centro di monitoraggio che si occupa di raccogliere dati riguardanti i giornalisti e i privati che hanno criticato l’operato dell’azienda: nella lista compare anche il nome del cantautore canadese, che nel 2015 ha intitolato il suo album “The Monsanto Years” e nel luglio dello stesso anno ha prodotto, con la sua Shakey Pictures, un documentario sulla battaglia di un anziano agricoltore contro la Monsanto. I dati raccolti dalla società riguardano anche l’impatto sui social media delle critiche rivolte dalla voce di “Harvest” così come la visibilità che l’uscita del disco ha avuto sulla stampa. Analizzando i testi di “The Monsanto Years” l’azienda ha anche individuato sei argomenti legati all’operato della Monsanto che potrebbero in un prossimo futuro finire nel mirino dell’artista, tra cui, ad esempio, la salute dei lavoratori e i diritti dei cittadini.

Scrive sempre il Guardian che l’attenzione della Monsanto per il prossimo Farm Aid, il concerto benefico che dal 1985 raccoglie fondi per le famiglie di agricoltori americani, fondato da Neil Young, Willie Nelson e John Mellencamp, è molto alta, con l’obiettivo, in particolare, di “monitorare le discussioni”: “Abbiamo preso contatti con la squadra legale e li stiamo tenendo informati sulle attività di Neil nel caso in cui un’azione legale dovesse rivelarsi appropriata”, si legge. All’epoca della pubblicazione di “The Monsanto Years” la società aveva così commentato la title track “Monsanto Years”: 

Molti di noi della Monsanto sono stati e sono fan di Neil Young. Sfortunatamente, per alcuni di noi, il suo ultimo album non riflette la forte motivazione che c’è in quello che facciamo ogni giorno per rendere l’agricoltura più sostenibile. Sappiamo che c’è molta disinformazione a proposito di quello che siamo e quello che facciamo e sfortunatamente molte di quelle false credenze sono state fotografate in quei testi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.