Apple lancia i “Digital Masters” (e la piattaforma di analytics)

Apple Music presenta novità sia per il pubblico che per gli addetti ai lavori. Un nuovo formato di “enconding” ad alta risoluzione per la musica, che prende il posto di “Mastered for iTunes” e un nuovo sistema, Apple Music For Artists.

Apple lancia i “Digital Masters” (e la piattaforma di analytics)

Apple Digital Masters è la nuova iniziativa di Apple per la qualità della musica. Si tratta di un nuovo sistema di encoding (ovvero di trasformazione dei brani in file digitali) a 24 bit, quindi ad altra risoluzione: la qualità standard dei CD è a 16 bit.
Il nuovo sistema è stato distribuito gratuitamente agli ingegneri del suono che creano i “master”, ovvero le copie definitive di studio dei brani che poi vengono stampata su vinile, CD e  trasformate in file per i download e lo streaming. Secondo quanto dichiarato da Apple in un comunicato stampa: “L'utilizzo di file a 24 bit significa meno rumore e maggiore efficienza di codifica (…) Il risultato è una musica virtualmente indistinguibile dalle registrazioni master originali ad alta risoluzione”.

Il nuovo formato prenderà il il posto di “Mastered for iTunes”, il marchio apposto a specifici album disponibili su iTunes Music Store e Apple Music. Sarà disponibile senza alcun costo aggiuntivo - a differenza delle offerte ad alta risoluzione di concorrenti come Tidal e Deezer (che chiedono circa 20€/mese per streaming hi-fi - offrendo però non solo encoding a 24 bit, ma anche frequenze di campionamento maggiori e paragonabili ai più "pesanti" e non compressi file FLAC: Apple continuerà invece ad usare i file più leggeri AAC, la versione proprietaria della compressione ad MP3, seppure appunto encodati a 24 bit). 
Secondo Apple, la maggior parte del catalogo di novità usa già questo sistema: circa il 75% della Top 100 songs negli Stati Uniti e il 71% a livello Globale è già stata encodata con Apple Digital Masters.

Sul versante professionale, invece, l’azienda di Cupertino ha resa disponibile Apple Music For Artists, la sua piattaforma di analitiche per l’industria. Precedentemente in forma “beta”, da ieri 8 agosto è stata aperta a tutti gli artisti. La piattaforma è accessibile da desktop e mobile (ma solo su iOS) e, secondo quanto riporta Music Business Worldwide - oltre ai dati e alle performance specifiche delle canzoni, pone una grande enfasi sui dati di Shazam - che Apple ha acquisito circa un anno fa.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.