Vandali rovinano la tomba di Ian Curtis dei Joy Division, di nuovo

La sepoltura dell’ex leader dei Joy Division è stata presa di mira un’altra volta, come mostrano le foto riportate su Twitter

Vandali rovinano la tomba di Ian Curtis dei Joy Division, di nuovo

Stando a quanto riporta il profilo “Joy Division Central” su Twitter, la tomba dell’ex cantante dei Joy Division – che si tolse la vita a soli 23 anni nel maggio del 1980 - è stata nuovamente vittima di atti vandalici. 
Come si può notare nella foto che accompagna il post, riportato più sotto, è stata rubata la pietra centrale - usata per ospitare gli omaggi floreali - dal luogo che conserva le ceneri di Ian Curtis, nel Cimitero di Macclesfield.
Non è la prima volta che la sepoltura di Curtis viene presa di mira: nel 2008 era stata rubata la lapide che riporta la celebre frase dei Joy Division “Love will tear us apart” (“L’amore ci farà a pezzi”), prontamente sostituita.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.