Sanremo 2020: a che punto è davvero la Rai?

Le ultime notizie sulla 70esima edizione del Festival, da Roma, Milano e Sanremo (con un'unica certezza).

Sanremo 2020: a che punto è davvero la Rai?

A che punto sono i lavori per Sanremo 2020? La prossima, come noto, sarà un'edizione importante del Festival della Canzone Italiana, che si appresta a festeggiare i suoi primi 70 anni (tanti ne sono passati dalla prima, che si tenne a Sanremo nel gennaio del 1951 e che fu trasmessa, come le tre successive, solamente in radio) e inevitabilmente c'è curiosità intorno ai progetti della Rai legati all'anniversario, a partire dai nomi del conduttore (o dei conduttori) e del direttore artistico.

Lo scorso anno, a quest'ora, il conduttore e direttore artistico di Sanremo 2019 Claudio Baglioni aveva già svelato le carte e raccontato le novità del suo secondo festival, a partire dalla scelta di abolire la categoria delle "Nuove Proposte" e dedicare agli emergenti un Festival a parte, Sanremo Giovani, consentendo ai vincitori di competere poi con i "big" nella categoria unica sul palco dell'Ariston. Rispetto allo scorso anno, per l'edizione 2020 la Rai è un po' indietro con i lavori, come conferma ciò che è emerso dal tavolo tecnico convocato ieri a Roma e Milano (in contemporanea) dall'amministratore delegato della tv di Stato Fabrizio Salini.

Salini ha riunito nelle sedi Rai di viale Mazzini a Roma e di corso Sempione a Milano i rappresentanti dell'industria e della filiera musicale coinvolta nel Festival, collegati tra loro in videoconferenza. Tra i tanti addetti ai lavori che hanno partecipato all'incontro c'erano anche il ceo di FIMI Enzo Mazza, Filippo Sugar (Sugar) e Dario Giovannini (Carosello) per rappresentare le etichette discografiche indipendenti, il distributore Claudio Ferrante (Artist First), i promoter Francesco Barbaro (OTR) e Massimo Bonelli (iCompany, la società che da ormai diversi anni organizza il Concerto del Primo Maggio a Roma) e il giornalista musicale Andrea Spinelli (presidente della sala stampa a Sanremo). Con loro, Salini ha discusso di tematiche come la selezione dei cantanti, il meccanismo di gara, le giurie, le votazioni, il potenziale conflitto di interessi del direttore artistico e la lunghezza delle canzoni in gara.

Non si sarebbe però affrontato il tema della scelta del conduttore e del direttore artistico (i discografici hanno chiesto che la direzione artistica per l'edizione 2020 non sia affidata al conduttore, come nei festival di Conti e Baglioni). In pole position c'è sempre Amadeus, ma da parte della Rai ancora nessuna conferma: "Prima il metodo, poi il concept, la direzione artistica e infine i nomi. Vogliamo mettere al centro il progetto, il racconto di Sanremo, poi verranno i nomi", ha fatto sapere Salini a Rainews24.

Durante l'incontro, gli addetti ai lavori avrebbero chiesto alla Rai di dedicare un maggiore spazio ai giovani e alle nuove tendenze musicali e di rivedere il bilanciamento tra le diverse giurie coinvolte nelle votazioni, dopo la vittoria a sorpresa di Mahmood (nella finalissima dello scorso anno Ultimo fu primo al televoto con più di 30 punti percentuali rispetto a Mahmood, ma il risultato fu poi ribaltato dalle votazioni della giuria della sala stampa e della giuria d'onore, che assegnarono invece la vittoria al cantante di "Soldi"): "I suggerimenti emersi sono tantissimi: ci saranno altri incontri che si susseguiranno da qui a febbraio", il commento di Salini.

E sempre ieri, a Sanremo, in Comune si è svolto un incontro presieduto dal sindaco Alberto Bianchieri, che si è confrontato con gli esponenti di Rai Pubblicità sui programmi del prossimo anno: "Ci è stata espressa la chiara volontà di fare qualcosa di grande e l'impressione è sicuramente molto buona", ha raccontato il primo cittadino alle testate locali. La Rai starebbe pensando a qualcosa di importante, con l'intenzione di portare il festival fuori dall'Ariston attraverso alcuni appuntamenti ospitati anche in altri luoghi della cittadina ligure. Però i ritardi starebbero creando problemi anche ad Area Sanremo, il concorso "alternativo" rispetto alle selezioni ufficiali Rai che permette ai suoi vincitori di accedere a Sanremo Giovani: "Al momento non possiamo andare avanti con il regolamento perché non sapendo la formula del Festival non sappiamo se i ragazzi di Area Sanremo andranno direttamente all’Ariston tra le Nuove Proposte o se invece otterranno una maggiore visibilità televisiva nell’ambito di Sanremo Giovani", ha spiegato Biancheri a La Stampa.

Il Festival di Sanremo 2020 si terrà dal 4 all'8 febbraio. E questa è l'unica cosa certa, al momento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.