Prodigy, riaperta l'inchiesta sulla morte di Keith Flint

La autorità britanniche non abbandonano il fascicolo sulla scomparsa del fu leader dei Prodigy dopo il verdetto 'aperto' del medico legale

Prodigy, riaperta l'inchiesta sulla morte di Keith Flint

In Gran Bretagna riprenderanno oggi, martedì 24 luglio, le indagini sulla scomparsa di Keith Flint, il frontman dei Prodigy trovato senza vita nella sua casa nell'Essex, lo scorso mese di marzo, all'età di 49 anni: lo riferiscono diverse testate britanniche, tra le quali l'NME.

Gli esami autoptici condotti sul corpo della voce della band di "Firestarter" avevano rivelato, nelle ore immediatamente precedenti il decesso, l'utilizzo da parte di Flint di sostanze come alcol, cocaina e codeina. Tuttavia il medico legale chiamato dal tribunale a emettere un verdetto nell'ambito delle indagini avviate dopo la morte del cantante - pur non catalogando l'episodio come "sospetto" - aveva presentato un rapporto "aperto" che non escludeva né l'ipotesi di un deliberato suicidio né quella del tragico incidente.

"Ho preso in considerazione l'ipotesi del suicidio", spiegò, a suo tempo, Caroline Beasley-Murray, la coroner alla quale fu affidato il caso: "Per confermarla, avrei dovuto constatare che - nel bilancio delle probabilità - il signor Flint avesse maturato l'idea [del suicidio] e agito deliberatamente con la coscienza di provocare la propria morte. Avendo esaminato tutte le circostanze del caso, non credo che ci siano sufficienti prove per farlo. Si stava forse svagando e qualcosa è andato terribilmente storto? Prendendo in cosiderazione tutte le eventualità, lascerò il verdetto dell'indagine aperto".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.