"Come funzionano i festival': la lezione aperta del Master in Comunicazione Musicale

Un incontro aperto in cui si parlerà di come è cambiata l'idea di Festival musicale in Italia: appuntamento il 5 settembre alle 17.30 in via Carducci 28 a Milano.

"Come funzionano i festival': la lezione aperta del Master in Comunicazione Musicale

Tornano le lezioni aperte del Master In Comunicazione Musicale dell'Università Cattolica: mercoledì 5 settembre 2019 il corso promuove un incontro ad accesso libero, in cui si parla di festival musicali. Il titolo della lezione è infatto: “I FESTIVAL – come funzionano oggi le rassegne musicali, tra industria e rapporto con la città”.

 La lezione sarà tenuta da tre docenti del Master, Luca De Gennaro (Head of Talent & Music MTV/VH1 - Curatore Artistico Milano Music Week), Elena Pantera (Ufficio Stampa Pantarei 3.0) e Luca Di Cataldo (Production & Tour Manager Ponderosa), che racconteranno rispettivamente l’aspetto artistico, comunicativo e produttivo dei Festival. Modererà l’incontro il direttore didattico del Master Gianni Sibilla e interverrà l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, per parlare del lavoro nelle rassegne musicali da Piano City alla Milano Music Week. 

L’appuntamento è presso la sede di via Carducci, 28 (aula C012): ingresso libero fino ad esaurimento posti.  

L’incontro è pensato per gli interessati al settore del music business, addetti ai lavori ed ex-studenti e rivolto ai futuri alunni del Master come introduzione al corso in partenza a novembre. Nel corso della lezione si parlerà di come  è cambiata la percezione dell'idea di festival in Italia: si partirà dai grandi eventi per poi approfondire le rassegne musicali legate alle metropoli, che hanno la capacità di far lavorare insieme l’industria musicale e il sistema delle città. 

Il Master in Comunicazione Musicale è promosso dall'Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell'Università Cattolica di Milano. E' il primo corso universitario post-laurea dedicato al music business, e nel 2019 giunge alla 19° edizione. È stato il primo in Italia a formare professionisti della comunicazione nel campo della musica: uffici stampa, promoter, promozione digitale della musica,  etichette discografiche, promozione di eventi e concerti musicali, redattore/programmatore di media musicali.

Anche quest'anno sono disponibili due borse di studio parziali (a copertura di metà della retta d’iscrizione) per i primi due candidati della graduatoria.  Il percorso prevede un periodo di stage garantito, sia presso aziende convenzionate, con cui il Master ha maturato una consolidata collaborazione negli anni, sia presso nuove realtà, ricercate ogni anno in base all'andamento del mercato musicale.
Con quasi 450 stage attivati presso etichette discografiche, agenzie media musicali, uffici stampa e promoter, le percentuali di placement si attestano tra il 66% e il 90% a soli sei mesi dal termine delle lezioni.
Le testimonianze dei professori e degli ex studenti – oggi affermati professionisti del settore – sono disponibili sul sito ufficiale dell’ALMED nella sezione “Alumni” e sui canali social del Master.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.