I Muse nel 2079: il racconto del concept-show all'Olimpico di Roma

Robot, spie, raggi laser: il mondo è nelle mani dei replicanti, che hanno sterminato gli umani. Ma tranquilli, i Muse sono riusciti a fuggire. E resistono.

I Muse nel 2079: il racconto del concept-show all'Olimpico di Roma

2079. Alla fine hanno vinto loro, le macchine. Che ora dominano il pianeta Terra, completamente devastato dalla guerra tra i replicanti e gli umani. Il mondo è un posto che fa paura, buio e tenebroso: alterato, completamente diverso da come era quando ad abitarlo erano gli uomini, che pure non erano così rispettosi dell'ambiente che li ospitava. Si pensa che qualche umano sia riuscito a sfuggire allo sterminio: è per questo che giorno e notte truppe di replicanti, tutti armati, marciano e perlustrano ogni angolo delle diverse città - tutte in rovina - alla ricerca di eventuali superstiti. No, non è la trama del terzo capitolo della saga di "Blade Runner", ma il futuro visto dagli occhi dei Muse: quello che Matt Bellamy e soci stanno portando sui palchi degli stadi con il loro nuovo tour mondiale è un vero e proprio concept-show incentrato sull'ultimo album di inediti della band britannica, "Simulation theory" (uscito lo scorso autunno) e ispirato a una certa letteratura e filmografia.

Dentro c'è un po' di tutto: la distopia di "1984" - da sempre tra i punti di riferimento dei Muse, che al libro di Orwell si ispirarono già nell'album "The resistance" del 2009 - incontra nello spettacolo del gruppo britannico la visione del futuro di serie come "Black mirror" e di film come lo stesso "Blade runner", non meno terrificante rispetto a quella proposta dallo scrittore nel suo capolavoro. Sembra quasi di essere dentro un libro della collana Urania di Mondadori: spie, segugi, raggi laser, robot mostruosi che hanno quasi le sembianze degli alieni di "Alien" (Ridley Scott torna anche qui) o del demogorgone di "Stranger things". Il tutto condito da un'estetica anni '80, quella a cui il trio guidato da Matt Bellamy ha attinto per "Simulation theory", tra videogames e citazioni più o meno esplicite di simboli di quella decade (come nel video del singolo "Something human", che però non suonano nei concerti di questo tour).

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/raICIqZtyvpJOw7V9-ICkUe66oA=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/27-muse-stadio-olimpico-di-roma-20072019.jpg
https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/wIcf48GMbvdxLhgUCZeyVcbttDQ=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/05-muse-stadio-olimpico-di-roma-20072019.jpg
Più che un concerto, quello che i Muse portano sul palco è uno spettacolo a metà tra musical e film, caratterizzato da elementi scenografici spettacolari (le spie che vengono calate dall'alto, le truppe che circondano il trio sul palco, il gigantesco robot che alla fine prova a catturare Bellamy e compagni) e da un uso massiccio dei visual, mostrati sul maxischermo alle spalle dei tre musicisti: di questo concept-show, le canzoni in scaletta rappresentano un'ideale colonna sonora, che include tanto i brani del nuovo album "Simulation theory" quanto pezzi dei dischi precedenti adattati al tema dello spettacolo ("Uprising", "Plug in baby", "Supermassive black hole", "Madness", "Mercy", "Time is running out"). Così - giusto per fare un esempio - se nel tour di "Drones" le urla all'inizio di "Psycho" erano quelle di un sergente spietato (ispirato al maggiore Hartman di "Full metal jacket"), qui è il replicante a capo dell'esercito di robot a dettare i comandi.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/smF_9BY0crJy1gIK9jrveQ9c3tk=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/15-muse-stadio-olimpico-di-roma-20072019.jpg
https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/nj8iQN2LtRyDaViyIi38J5ve19s=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/29-muse-stadio-olimpico-di-roma-20072019.jpg
La resistenza umana? È rappresentata dai Muse, i tre umani riusciti a sfuggire al massacro compiuto dall'esercito di replicanti, che con la loro musica riescono a difendersi dagli attacchi dei robot: il suono è un'evoluzione di quello che aveva caratterizzato "Drones", con il rock spigoloso e tagliente di Bellamy e soci che incontra l'elettronica di certe produzioni anni '80 (Jean-Michel Jarre, Tangerine Dream, Vangelis) e di colonne sonore di film-cult del genere fantascientifico (John Carpenter su tutti), tra chitarre distorte al massimo, bassi potentissimi e batterie reali sovrapposte a drum machine.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/FzfYtgJzyXSQ0w5RJ_itLjm9K5I=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/13-muse-stadio-olimpico-di-roma-20072019.jpg
Spoiler: alla fine la spuntano i Muse. E ora siamo curiosi di scoprire cosa succederà nel prossimo capitolo della saga.

di Mattia Marzi

SCALETTA:
"Algorithm"
"Pressure"
"Psycho"
"Break it to me"
"Uprising"
"Propaganda"
"Plug in baby"
"Pray (High Valyrian)"
"The dark side"
"Supermassive black hole"
"Thought contagion"
"Interlude"
"Hysteria"
"Bliss"
"The 2nd law: unsustainable"
"Dig down"
"Madness"
"Mercy"
"Time is running out"
"Houston jam"
"Take a bow"
"Prelude"
"Starlight"
"Algorithm"
"Stockholm syndrome / Assassin / Reapers / The handler / New born"
"Knights of Cydonia"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.