Metallica: negli USA biglietti concessi al secondary ticketing

Billboard USA è entrato in possesso di una registrazione telefonica dove un collaboratore della band propone a Live Nation di distribuire parte dei tagliandi direttamente sul mercato secondario

Metallica: negli USA biglietti concessi al secondary ticketing

Febbraio, 2017: i Metallica si stanno preparando ad annunciare la branca nordamericana del loro WorldWired Tour. Tony DiCioccio, consulente indipendente assunto nello staff dei giganti dell'heavy californiani come "consulente per le operazione di biglietteria", contatta telefonicamente Bob Roux, capo del settore concerti per il nordamerica di Live Nation, colosso del live entertainment che cura a livello internazionale gli interessi dei Four Horsemen dal vivo. La proposta da parte del collaboratore della band (registrata da una terza parte e fatta pervenire all'edizione statunitense di Billboard), è di porre in vendita sui siti di secondary ticketing, gli stessi utilizzati dai bagarini digitale per le proprie operazioni di speculazione, 88mila biglietti per le date statunitensi del tour. DiCioccio è chiaro: visti i guadagni accantonati dagli speculatori sui primi 10mila biglietti messi in vendita per la prima, perché non passare dall'altra parte della barricata e intascare direttamente la plusvalenza?

Secondo l'accordo, un 40% dei proventi dall'operazione sarebbe andato alla band, un altro 40% a Live Nation, e il restante 20% sarebbe stato spartito tra DiCioccio e il promoter indipendente Vaughn Millette.

L'entrata in scena di Millette nello schema non è affatto casuale. Non potendo Live Nation permettersi di fare sparire una tale quantità di tagliandi senza dare nell'occhio, DiCioccio suggerisce che "un impiegato di Live Nation e un operatore di biglietteria locale [in questo caso, Millette] prendano questi biglietti e li vendano in un unico stock", catalogandoli come un'unica porzione di ingressi da concedere a uno sponsor o a un partner. Accantonata senza dare nell'occhio la tranche di tagliandi, il gioco - cioè passarli con assoluta discrezione a una piattaforma di secondary ticketing per una messa in vendita a prezzo notevolmente maggiorato rispetto al face value - sarebbe stato decisamente facile.

"4600 biglietti [a data] trasferiti in un'unica soluzione potrebbero destare qualche sospetto", obbietta Roux nella telefonata. Ma, sempre secondo quanto riferito da Billboard, Live Nation - tra il 2016 e il 2017 - avrebbe favorito circa "una dozzina di artisti" in pratiche di passaggi occulti di biglietti direttamente dalla sorgente primaria al mercato secondario su richiesta dei management degli artisti stessi.

La ragione è chiara: le plusvalenze maturate sul mercato secondario hanno ingolosito i management di questi artisti. "Dopo aver visto il volume delle transazioni secondarie per quel programma e il vantaggio ottenuto dai broker", ha spiegato Live Nation nella dichiarazione resa a Billboard USA, "Il consulente indipendente [dei Metallica, DiCioccio] ha lavorato con Live Nation su una strategia di distribuzione unica che utilizzava il mercato secondario come canale di distribuzione delle vendite per selezionare i biglietti di fascia alta", dove, per "fascia alta", si intende quella usualmente occupata, sul mercato primario, dai biglietti distribuiti come vip pack, che - a fronte di un prezzo maggiorato rispetto al face value degli ingressi generici - offrono benefit come meet and greet, memorabilia in regalo e accessi privilegiati alla venue degli eventi.

Il primo tentativo, però, non sarebbe andato a buon fine: Millette avrebbe perso denaro nell'affare, benché il tour abbia incassato 111 milioni di dollari, secondo le stime di Billboard. Nel tentativo di mitigare le perdite, Millette non avrebbe restituito parte del fatturato guadagnato: mossa, questa, che avrebbe infastidito DiCioccio e i Metallica. Di qui la scelta, da parte di Millette, di inviare la registrazione della conversazione telefonica  con Roux e DiCioccio a Live Nation, poi segnalata e divulgata da Billboard USA.

La vicenda, per il momento, non avrà conseguenze giudiziarie, nonostante la legge federale americana sul commercio proibisca atti ingannevoli che incidano sull'andamento dei mercati. E Live Nation, in una dichiarazione ufficiale resa sempre a Billboard, ha negato di aver perseguito pratiche simili dopo questa vicenda: "Da allora, richieste come queste sono diminuite praticamente fino a zero, in quanto strumenti come prezzi dinamici, platinum e pacchetti VIP si sono dimostrati più efficaci nel recuperare valore precedentemente perso nel mercato secondario", ha affermato la società.

Tuttavia, la vicenda aggiunge un ulteriore tassello ai retroscena sulle politiche attuate dai management di band di alto profilo internazionale come quella capitanata da James Hetfield. Solo lo scorso anno Peter Mensch, co-manager dei Metallica - che adottando per le loro date (anche italiane) il biglietto nominale avevano dato l'idea di lanciare un forte segnale presso il pubblico nella lotta al bagarinaggio online - aveva candidamente ammesso di essere riuscito a "triplicare in pochi anni il prezzo dei biglietti dei concerti dei suoi assistiti" in virtù dell'elevatissima domanda al botteghino per gli show della band.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.