Metallica: negli USA biglietti concessi al secondary ticketing

Billboard USA è entrato in possesso di una registrazione telefonica dove un collaboratore della band propone a Live Nation di distribuire parte dei tagliandi direttamente sul mercato secondario
Metallica: negli USA biglietti concessi al secondary ticketing

Febbraio, 2017: i Metallica si stanno preparando ad annunciare la branca nordamericana del loro WorldWired Tour. Tony DiCioccio, consulente indipendente assunto nello staff dei giganti dell'heavy californiani come "consulente per le operazione di biglietteria", contatta telefonicamente Bob Roux, capo del settore concerti per il nordamerica di Live Nation, colosso del live entertainment che cura a livello internazionale gli interessi dei Four Horsemen dal vivo. La proposta da parte del collaboratore della band (registrata da una terza parte e fatta pervenire all'edizione statunitense di Billboard), è di porre in vendita sui siti di secondary ticketing, gli stessi utilizzati dai bagarini digitale per le proprie operazioni di speculazione, 88mila biglietti per le date statunitensi del tour. DiCioccio è chiaro: visti i guadagni accantonati dagli speculatori sui primi 10mila biglietti messi in vendita per la prima, perché non passare dall'altra parte della barricata e intascare direttamente la plusvalenza?

    Febbraio, 2017: i Metallica si stanno preparando ad annunciare la branca nordamericana del loro WorldWired Tour. Tony DiCioccio, consulente indipendente assunto nello staff dei giganti dell'heavy californiani come "consulente per le operazione di biglietteria", contatta telefonicamente Bob Roux, capo del settore concerti per il nordamerica di Live Nation, colosso del live entertainment che cura a livello internazionale gli interessi dei Four Horsemen dal vivo. La proposta da parte del collaboratore della band (registrata da una terza parte e fatta pervenire all'edizione statunitense di Billboard), è di porre in vendita sui siti di secondary ticketing, gli stessi utilizzati dai bagarini digitale per le proprie operazioni di speculazione, 88mila biglietti per le date statunitensi del tour. DiCioccio è chiaro: visti i guadagni accantonati dagli speculatori sui primi 10mila biglietti messi in vendita per la prima, perché non passare dall'altra parte della barricata e intascare direttamente la plusvalenza?

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.