R. Kelly, le gravissime accuse che l'hanno riportato in carcere

Fra queste, rapporti sessuali con ragazze minorenni e produzione di materiale pedopornografico

R. Kelly, le gravissime accuse che l'hanno riportato in carcere

R. Kelly reclutava delle ragazze minorenni e faceva loro attraversare i confini dello Stato per fare sesso con loro: questa è l'accusa che ieri 11 luglio ha riportato in carcere il rapper.
Dopo che R. Kelly aveva convinto le sue vittime a seguirlo, non permetteva loro di lasciare la stanza d'albergo senza il suo permesso, nemmeno per andare in bagno, sostiene l'accusa, le obbligava a chiamarlo "paparino", e dopo averle indotte a compiere con lui atti sessuali, le pagava perché tacessero. Inoltre R. Kelly avrebbe taciuto di essere affetto da una malattia venerea e avrebbe filmato i suoi rapporti sessuali con le ragazze, producendo così materiale pedopornografico. Due delle cinque ragazze avevano 16 anni, una non aveva ancora compiuto i 18, una addirittura avrebbe avuto 12 o 13 anni.
I fatti si sarebbero svolti fin dal 1999 nello stato di New York, in Illinois, nel Connecticut e in California.
R. Kelly si è sempre dichiarato innocente. Il suo avvocato ha detto che delle accuse il suo cliente era già stato riconosciuto innocente anni fa.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.