Sziget Festival 2019: come vivere al meglio l’‘isola della libertà’

L'edizione del 2019 dello Sziget Festival si avvicina: abbiamo raccolto qualche consiglio che potrebbe tornarvi utile se la vostra destinazione dell'estate è l'"isola della libertà" sulle sponde del Danubio.

Sziget Festival 2019: come vivere al meglio l’‘isola della libertà’

Dopo l’abbondante mezzo milione di spettatori della scorsa edizione, che ha segnato per il già ampiamente rodato Sziget Festival un record in termini di affluenza nell'ungherese isola di Óbuda, torna la rassegna nata dalla volontà di Karoli Gerendai, che quest’anno animerà le sponde del Danubio dal 7 al 13 agosto 2019. Con una line-up di tutto rispetto, che come sempre offre agli avventori nell’“isola della libertà” una grande varietà di generi musicali e di atmosfere, lo Sziget è diventato ormai da tempo una delle grandi kermesse estive di riferimento del panorama musicale della bella stagione nel Vecchio Continente. Se mirate a trascorrere una parte della vostra estate in territorio magiaro ecco quindi alcuni consigli per orientarsi al meglio allo Sziget Festival 2019.

Partiamo dal cartellone. Per l’edizione 2019 dell’happening si alterneranno sul palco principale dello Sziget, tra gli altri, i Foo Fighters – tappa che rende il festival una buona occasione per i fan italiani dei rocker statunitensi, che quest’anno non hanno in programma tappe nella Penisola -, Ed Sheeran – che per questo 2019 ha invece concesso tre passaggi in Italia, a Firenze, Roma e Milano -, Florence + The Machine, i National, i Franz Ferdinand, l’ex Smiths Johnny Marr, Richard Ashcroft, i 1975, Post Malone e i Twenty One Pilots. Festival come lo Sziget, però, sono anche l’occasione per allenare l’orecchio ad ascolti più diversificati, lontani dalla ressa del main stage. E così ecco che gli slot pomeridiani, in alternativa a quelli serali, e quelli sui palchi minori accorrono in aiuto dei curiosi. Quando la luce solare non avrà ancora abbandonato l’isola sarà dunque possibile ascoltare sul palco principale dello Sziget Michael Kiwanuka, Tom Odell, Frank Carter & The Rattlesnakes e Mura Masa, per citare solamente alcuni nomi. Quanto agli altri palchi – calcolate con attenzione le distanze, che potrebbero essere più lunghe di quello che sembrano, e cercate di non scegliere set troppo vicini tra loro: rischiate di non godervi nessuno dei due show – le strutture ospiteranno artisti come gli Of Mice & Men, l’australiano Xavier Rudd – che in Italia si è fatto conoscere sulla scia del successo del singolo “Follow The Sun” -, i Superorganism, Tamino, Hippocampe Fou, Jungle By Night, Pipes and Pints, Sophie Hunger, Carnival Youth, Mongooz and the Magnet, Naaz e gli italiani Coma Cose e I Hate My Village, il supergruppo che coinvolge Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion, Fabio Rondadini (Afterhours e Calibro35), Alberto Ferrari dei Verdena e Marco Fasolo dei Jennifer Gentle. Non mancheranno poi palchi appositamente dedicati alle cover band, al reggae e alla musica latina e afro, al teatro e alla danza, per non farsi mancare nulla.

Da ultimo, non tralasciate il contesto nel quale vi trovate, la bellissima città di Budapest, a pochi chilometri dal festival, dove potete arrivare sfruttando la rete ferroviaria in un quarto d’ora circa, scendendo alla fermata davanti al Parlamento, Batthyány tér. Da là potrete esplorare comodamente il centro città e le terme che rendono celebre la capitale magiara, tornando a dar fondo al vostro contante che, non dimenticatelo, è bandito all’interno dell’area festival, dove ogni genere di acquisto può essere effettuato solo attraverso delle tessere ricaricabili - il cui credito residuo potrà essere restituito al titolare al termine della manifestazione - distribuite al festival.

Buon festival a tutti e a tutte!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.