Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 17/06/2019

Da Napoli al mondo: in studio con Mauro Iuliano. Video

Chi è il produttore che il prossimo 22 giugno, agli Indipendent Music Awards di New York, rappresenterà l'Italia davanti a una giuria presieduta da Tom Waits

Da Napoli al mondo: in studio con Mauro Iuliano. Video

"Non potrei mai risiedere in un paese del quale non apprezzi la cucina": Mauro Iuliano la retorica del "cervello in fuga" la sconfessa subito, con un sorriso appena accennato. Il produttore e artista di origini partenopee, ma da anni diviso tra lo Stivale e Bangkok, Tailandia, dopo una (nemmeno troppo) breve parentesi in Malesia e studi al prestigioso Berklee college of music di Boston, alla fine dello scorso maggio è passato dall'Italia, più precisamente da Milano, dove è già al lavoro su due nuovi progetti.

Tutto a tempo debito, però: Iuliano, il prossimo 22 giugno, sarà al Symphony Space di Broadway, New York, per la serata di premiazione degli Indipendent Music Awards 2019, dove - gomito a gomito con colleghi proveniente dai quattro angoli del globo - concorrerà in due categorie con il suo EP più recente, "Hidden Roots", venendo giudicato da una commissione presieduta da un autentico gigante della musica americana contemporanea, Tom Waits.

"Ho avviato questo progetto per far capire cosa in realtà io fossi, dal punto di vista musicale", spiega lui a proposito della sua carriera "in proprio": Io mi ero quasi dimenticato di aver sottoposto il mio lavoro alla commissione degli Indipendent Music Awards. Poi mi è arrivato un messaggio su Facebook dove gli organizzatori mi chiedevano: 'Ma lei è al corrente di aver ricevuto due nomination?'. Per me è stato come comprare il biglietto di una lotteria. Una cosa che fai senza alcuna aspettativa. Poi, a sorpresa, questo 'biglietto' è diventata la ricompensa per il lavoro di una vita. Indipendentemente da cosa succederà a New York, per certi versi io sento di avere già vinto".

Iuliano, non a caso, sta già guardando avanti: un mese prima della premiazione degli Indipendent Music Awards l'artista è a Milano, negli studio del già chitarrista dei Bluvertigo Livio Magnini, a lavorare a due nuovi progetti, insieme allo stesso Magnini e ad Alessandro De Berti. "[Livio e Alessandro] sono amici", racconta lui, quando gli chiediamo della collaborazione: "A parte il fatto che sia Livio che Alessandro sono tecnicamente preparatissimi, credo che molto più importante della perizia tecnica sia la stima reciproca, l'unità di intenti e una grande rilassatezza durante le sedute di lavoro. Mi è capitato di lavorare con musicisti molto dotati, ma senza l'atmosfera giusta, in studio, nascevano degli attriti. Ecco perché penso che il fattore umano sia quello fondamentale, nella scelta dei collaboratori".

A parte una breve anticipazione dal vivo in studio, visibile nel filmato presente nel frame qui sopra a 9' e 20'', Iuliano, sui suoi prossimi progetti, e naturalmente molto riservato. Un po' perché sono ancora in corso d'opera, e - in quanto materia viva - ancora in fase di sviluppo. Inutile, quindi, scendere nei dettagli. Anche perché, come ci dice lui quasi scherzando, "non so ancora se la seconda pubblicazione diventerà la terza, o viceversa. Vedremo strada facendo come andranno le cose".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi