NEWS   |   Industria / 12/06/2019

Woodstock 50, via anche il (secondo) produttore

Dopo la venue - il circuito di Watkins Glen - il festival di Micheal Lang perde anche la società che avrebbe prodotto l'evento

Woodstock 50, via anche il (secondo) produttore

A poco più di sessanta giorni dalla data di apertura - il prossimo 16 agosto - Woodstock 50, la rievocazione in occasione del cinquantennale della storica tre giorni di pace, amore e musica messa in piedi dal promoter originale Michael Lang sembra diventare di giorno in giorno un'entità sempre più astratta. Dopo la perdita della venue che avrebbe dovuto ospitare l'evento - il circuito di Watkins Glen, nello stato di New York - il festival si è trovato nelle ultime ore ad affrontare un altro grave problema: CID Entertainment, la società che era stata coinvolta nel progetto dopo la fine (travagliata) del rapporto con Dentsu per curare la produzione dell'evento, ha interrotto la collaborazione con Lang.

"CID si era impegnata progettare e realizzare campeggi, pacchetti di viaggio e collegamenti per Woodstock 50", si legge in una nota ufficiale della società: "Dati gli sviluppi, possiamo confermare che CID non è più coinvolta nel festival a qualsiasi titolo".

La defezione pone un ulteriore, pesantissima ipoteca sulla realizzazione della manifestazione, che a poco più di due mesi dallo svolgimento non ha ancora stabilito una venue per ospitare l'evento, non ha ancora ricevuto i permessi necessari dalle autorità, non ha una società di produzione e non ha ancora messo i biglietti in vendita.