Woodstock 50, via anche il (secondo) produttore

Dopo la venue - il circuito di Watkins Glen - il festival di Micheal Lang perde anche la società che avrebbe prodotto l'evento
Woodstock 50, via anche il (secondo) produttore

A poco più di sessanta giorni dalla data di apertura - il prossimo 16 agosto - Woodstock 50, la rievocazione in occasione del cinquantennale della storica tre giorni di pace, amore e musica messa in piedi dal promoter originale Michael Lang sembra diventare di giorno in giorno un'entità sempre più astratta. Dopo la perdita della venue che avrebbe dovuto ospitare l'evento - il circuito di Watkins Glen, nello stato di New York - il festival si è trovato nelle ultime ore ad affrontare un altro grave problema: CID Entertainment, la società che era stata coinvolta nel progetto dopo la fine (travagliata) del rapporto con Dentsu per curare la produzione dell'evento, ha interrotto la collaborazione con Lang.

    A poco più di sessanta giorni dalla data di apertura - il prossimo 16 agosto - Woodstock 50, la rievocazione in occasione del cinquantennale della storica tre giorni di pace, amore e musica messa in piedi dal promoter originale Michael Lang sembra diventare di giorno in giorno un'entità sempre più astratta. Dopo la perdita della venue che avrebbe dovuto ospitare l'evento - il circuito di Watkins Glen, nello stato di New York - il festival si è trovato nelle ultime ore ad affrontare un altro grave problema: CID Entertainment, la società che era stata coinvolta nel progetto dopo la fine (travagliata) del rapporto con Dentsu per curare la produzione dell'evento, ha interrotto la collaborazione con Lang.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.