Kenny G vince la causa per plagio, insegnante di musica rischia la bancarotta

Il sassofonista Kenny G ha vinto la causa per plagio oppostagli da Ronald D. Bunn, un insegnante di musica, che ora rischia di pagare 700.000 dollari di spese processuali (molte delle quali da destinare agli avvocati del musicista). La canzone “Forever love”, secondo il tribunale, ha delle somiglianze con un brano scritto dal professor Bunn, ma Kenny G non poteva ragionevolmente conoscere quel pezzo, nonostante l’uomo abbia dimostrato di averne registrato i diritti e di averlo inviata alla casa discografica Arista, che pubblica gli album della star del sax. L’ultima speranza di Bunn è un appello alla Corte Suprema. «Se perdo, sono rovinato», confessa l’insegnante. «Non ho mai avuto 700.000 dollari. Questa storia mi ha aperto gli occhi su quanto poco gli autori contino per i tribunali, e su quanto costi tutelare i propri diritti».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.