Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 10/06/2019

Biglietto nominale, le FAQ

Tutto quello che c’è da sapere sul biglietto nominale, imposto per legge a tutti i grandi eventi di musica popolare contemporanea dall'1 luglio 2019

Biglietto nominale, le FAQ

Come più volte anticipato da Rockol, la legge numero 145 approvata lo scorso mese di dicembre prevede per tutti gli spettacoli di “musica popolare contemporanea” – quindi pop, rock, rap, metal, dance, jazz, folk e altro – con affluenza superiore alle 5000 persone le cui prevendite vengano aperte a partire dal prossimo primo luglio l’applicazione del biglietto nominale. A poco meno di un mese dall’entrata in vigore della norma, ecco cosa c’è da sapere su questa modalità che interesserà non solo la filiera della musica dal vivo nazionale, ma anche – e soprattutto – fan e appassionati. Buona lettura!

1) E’ un reato, in Italia, rivendere biglietti di concerti a prezzo maggiorato?
Sì. La legge numero 145 del 2018 stabilisce che il biglietto potrà essere rivenduto SOLO dai siti internet di rivendita primaria, i box office autorizzati o i siti internet ufficiali dell’evento (ovvero siti dell’Organizzatore) e SOLO al prezzo nominale, senza maggiorazioni di prezzo, salva l’applicazione di congrui oneri di gestione da parte del rivenditore. Questa legge integra la precedente legge 232 del 2016 che prevede sanzioni con multe da 5.000 euro a 180.000 euro per la rivendita di titoli d’ingresso per spettacoli pubblici a un prezzo superiore di quello indicato dal prezzo facciale del biglietto (il costo del biglietto indicato sul biglietto stesso).

2) Se, come privato cittadino, rivendo online un biglietto per un concerto a prezzo maggiorato, rischio di essere multato?
Teoricamente sì. Sempre la legge numero 145 del 2018 proibisce tout-court la rivendita a prezzi maggiorati, pertanto le multe da 5.000 a 180.000 euro si estendono anche ai privati.

3) Quali sanzioni sono previste dalla legge italiana per punire le rivendite di biglietti a prezzo maggiorato?
In un comunicato del 7 maggio 2019 l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCom) ricorda che "la legge vieta sia la vendita online di biglietti da soggetti diversi dai titolari, sia la commercializzazione a prezzi superiori al prezzo nominale e che tali violazioni sono punite con sanzioni amministrative pecuniarie da 5.000 a 180.000 euro, la rimozione dei contenuti illeciti e, nei casi più gravi, con l’oscuramento del sito.

4) Con il biglietto nominale potrò acquistare un biglietto per un concerto e poi cederlo – a titolo gratuito o meno – nel caso dovessi trovarmi impossibilitato ad assistere al concerto stesso?
Sì, previa l’osservanza delle procedure previste dalla legge e messe in atto dagli operatori di vendita sul mercato primario provvedendo a cambiare l’intestatario del biglietto stesso.

5) Cosa si intende per OTP e Strong Authentication?

Per OTP, acronimo inglese di "one-time password" - traducibile in italiano con "password valida una sola volta" - si intende una chiave d'accesso valida solo per una singola sessione di accesso o transazione (vedi Faq numero 6). Per Strong Authentication si intende un'autenticazione a due o più fattori che superi, in termini di sicurezza, l'autenticazione a fattore unico. Un esempio di strong authentication comune è quello richiesto per prelevare contanti presso gli sportelli bancomat, che - per portare a compimento l'operazione - richiede all'utente di fornire contemporaneamente la tessera magnetica (primo fattore) e il pin (Personal Identification Number, o numero di identificazione personale) a essa abbinata (secondo fattore).

6) Se acquisto un biglietto su un sito di secondary ticketing intestato a un nome diverso dal mio, e ai cancelli dell’evento mi viene negato l’accesso, la legge mi tutela?
No. Gli organizzatori e i circuiti di rivendita ufficiali (quelli primari) non garantiscono per biglietti acquistati su circuiti che non siano quelli autorizzati (cioè, appunto, quelli primari). Inoltre la legge prevede che la non conformità del nominativo precluda l’accesso senza diritto al rimborso.

7) Per acquistare un biglietto nominale dovrò farmi identificare durante la fase di acquisto e in sede di accesso allo spettacolo?
La nominatività del biglietto prevede che l’acquirente intestatario, indicato al momento dell’acquisto, venga identificato all’accesso alla venue che ospiterà l’evento, ma non prevede identificazione né dell’acquirente né degli intestatari al momento dell’acquisto. Solo per il canale di acquisto online è prevista una procedura di identificazione dell’acquirente che a partire dal 1° febbraio 2020 potrà acquistare solo tramite verifica OTP (one time password, ovvero password valida una sola volta) sul proprio numero di cellulare (ma la corrispondenza tra il nome del possessore del tagliando e quello dell'intestatario del contratto del cellulare non verrà verificata).

8) Potrò acquistare un biglietto nominale per amici e familiari?
Sì: sarà possibile acquistare biglietti per conto terzi, fornendo i nominativi degli altri intestatari. Verranno poi effettuati controlli all’accesso all’evento e verificati i documenti d’identità.

9) Potrò cambiare il nominativo di un biglietto per conto terzi?
No, solo l’effettivo intestatario del biglietto il cui nome è riportato sul titolo di accesso potrà effettuare il cambio nominativo. In alternativa, per biglietti acquistati on line, anche l’acquirente potrà effettuare il cambio nominativo per conto dell’intestatario se ancora in possesso del biglietto acquistato.

10) Potrò acquistare biglietti nominali senza essere titolare di una carta di credito?
L’acquisto dei biglietti nominali non impone metodi di pagamento specifici e si collega al canale di acquisto e alle relative modalità di pagamento ivi previste. Per l’acquisto online su TicketOne.it, per esempio, i metodi di pagamento accettati sono: carte di credito, di debito, Paypal, Masterpass, bonifico bancario. Sarà possibile acquistare i biglietti attraverso il pagamento in contanti nei punti vendita.

11) Potrò acquistare biglietti con un documento diverso dalla carta di identità? (es., passaporto, patente di guida)
Il documento non è necessario al momento dell’acquisto, bensì il giorno dell’evento per verificare che l’intestatario del biglietto sia effettivamente colui che sta entrando all’evento.

12) In caso di acquisto presso un punto vendita "fisico", dovrò esibire i miei documenti e fornire le mie generalità al personale?
Nei casi di acquisto presso un punto vendita fisico l’identificazione e la registrazione dell’acquirente non sono necessari.

13) Il cambio di nominativo avrà dei costi?
Si, il cambio nominativo prevede il pagamento di una commissione, sia per il cambio online sia per il cambio effettuato nel punto vendita.

14) Potrò effettuare un cambio di nominativo il giorno stesso del concerto?
Sì, sarà possibile effettuare il cambio nominativo entro e non oltre l’orario di inizio dell’evento, salvo diverse indicazioni definite dall’Organizzatore e riportate in fase di acquisto sullo specifico evento, ma non esiste alcun obbligo di aprire un punto vendita per erogare il servizio di cambio nominativo sul luogo dell’evento, quindi bisognerà per lo più ricorrere al servizio online.

15) In quanto tempo potrò cambiare il nominativo di un biglietto?
Le informazioni relative ai tempi del cambio nominativo potranno essere consultate durante la fase di acquisto del biglietto o comunque sul sito di rivendita primario. La legge non stabilisce nulla, ma agli organizzatori è permesso applicare restrizioni.

16) Potrò chiedere l'annullamento di un biglietto e riavere i soldi spesi per l'acquisto dello stesso?
No, l’unica possibilità è quella di rimettere in vendita – al valore nominale – il proprio biglietto sperando che qualcun altro lo acquisti, altrimenti il biglietto andrà perso.

17) L'acquirente di riferimento, in fase di transazione, dovrà fornire i documenti di tutti gli altri titolari dei biglietti?
No, non sono necessari i documenti al momento dell’acquisto. L’acquirente di riferimento dovrà fornire i dati di tutti i titolari dei biglietti, ovvero nome e cognome, che verranno verificati tramite documento di identità al momento di accesso all’evento.

18) Ho una società, e voglio regalare dei biglietti ai miei clienti: sarà possibile acquistare biglietti non come persona fisica?
L’attuale norma non consente acquisti massivi, tuttavia la nuova disciplina non esclude la possibilità di procedere ad acquisti NON online di titoli di accesso in numero superiore a 10 (accessibili anche a eventuali speculatori attivi sulle piattaforme di secondary ticketing) così come potrebbe considerarsi realizzabile la possibilità di riservare un numero predefinito di titoli per un determinato evento da emettere, su richiesta di una persona fisica che potrebbe agire anche in qualità di legale rappresentante di società, al momento della definizione delle generalità degli intestatari.

19) In caso di cambio di documento (smarrimento o scadenza), potrò farmi identificare, ai cancelli di un concerto, con un documento diverso da quello utilizzato durante l'acquisto?
Non serve il documento in fase d’acquisto. La sola cosa importante è che il nome riportato sul biglietto corrisponda a quello riportato sul documento d’identità presentato al momento dell’accesso all’evento.

20) In cosa consisteranno i controlli per la verifica delle identità ai cancelli dei concerti?
I controlli per la verifica delle identità ai cancelli dei concerti consisteranno nel verificare la corrispondenza tra il nome riportato sul biglietto e l’effettiva identità del soggetto possessore tramite documento d’identità.

21) Chi mi identificherà ai cancelli di un concerto? Dovrò esibire i miei documenti (e quelli di eventuali minorenni che accompagnerò) solo alle forze dell'ordine o anche a personale non investito della carica di pubblico ufficiale?
Il personale preposto ai controlli sul luogo dell’evento nelle persone dei dipendenti o degli addetti alla sicurezza riconosceranno le persone anche senza avere la carica di pubblico ufficiale, e non è previsto il coinvolgimento delle forze dell’ordine.

22) Quanto durerà il processo di identificazione?
Il processo di identificazione durerà il tempo necessario per verificare la corrispondenza tra il nome riportato sul biglietto e l’effettiva identità del soggetto possessore.

23) Le modalità di identificazione ai cancelli saranno le stesse per maggiorenni e minorenni?
Sì, tramite documento d’identità valido.

24) Come verranno gestiti i dati personali forniti in fase di registrazione per l'acquisto di uno o più biglietti? La gestione dei dati dell'acquirente di riferimento e degli altri titolari dei biglietti sarà effettuata allo stesso modo?
I sistemi di vendita e di registrazione adottano adeguate misure di sicurezza a protezione dei dati e dei servizi gestiti, in particolare con l’utilizzo di protocolli sicuri di comunicazione su rete Internet.

25) Mi verrà chiesto il consenso all'utilizzo dei miei dati personali in fase di registrazione?
Sì, il consenso alla privacy policy del sito primario di distribuzione.