La musica su YouTube e lo streaming a pagamento: alcuni numeri

Pex e Goldman Sachs hanno qualcosa da raccontarci sui numeri dei video di argomento musicale su YouTube e sull'andamento, nei prossimi anni, dello streaming a pagamento.

La musica su YouTube e lo streaming a pagamento: alcuni numeri

Uno studio di Pex, ripreso da Music Ally, ha classificato le visualizzazioni dei video di YouTube per argomento e quanto è emerso è che, per quanto riguarda l’annata 2018, i video di argomento musicale hanno generato meno di un bilione di visualizzazioni sulla piattaforma di proprietà di Google ovvero il 20% del totale delle views su YouTube. Ricordiamo che i contenuti musicali sulla piattaforma sono solo il 5% del totale dei video presenti. Dai risultati della ricerca di Pex emerge anche che le visualizzazioni medie per ogni video musicale sono 16.4k, la quota più alta rispetto a qualsiasi altra categoria sebbene la durata dei video di argomento musicale sia in media la più bassa, attestandosi intorno ai 6.8 minuti. Conclude Pex: “La musica e l’intrattenimento sono le uniche due categorie che garantiscono a YouTube un ritorno altissimo rispetto all’investimento”.

Passando invece all’ambito del puro streaming musicale, il più recente report di Goldman Sachs, che si concentra sulle previsioni dell’andamento della formula a pagamento degli ascolti in streaming, annuncia che per il 2030 si prevedono introiti di 27,5 miliardi di dollari, un poco meno rispetto ai 28 miliardi tondi che Goldman Sachs aveva preventivato lo scorso anno per il 2030. Per quanto riguarda invece i guadagni totali derivanti dallo streaming, che includono anche gli ascolti supportati dalla pubblicità, sono stimati, sempre per il 2030, di 37,2 miliardi. Più nello specifico, il centro ricerca della banca d’affari statunitense predice che nel 2023 ci saranno 690 milioni di utenti con formula a pagamento e 1,15 miliardi nel 2030. Le previsioni, come si evince, sono sulla lunghissima distanza e necessiteranno, dunque, nuove e continue revisioni con il passare del tempo perché la loro accuratezza possa rifinirsi.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.