NEWS   |   Industria / 03/06/2019

The Voice, gli ospiti e il meccanismo della finale (in diretta)

La puntata conclusiva del talent va in onda su Rai2 martedì 4 alle 21: "Contenti di avere fatto un programma musicale senza casi umani". Arisa, Lost Frequencies, Shaggy tra gli ospiti. Il vincitore si esibirà sui Music Awards sui Rai1 il 5 e 6 giugno.

The Voice, gli ospiti e il meccanismo della finale (in diretta)

Si conclude domani, 4 giugno, l'edizione 2019 di The Voice: la finale sarà l'unica puntata in diretta del talent, dopo i "Blind test", le "Battle" e i "Knock out" della settimana scorsa: dalla semifinale sono usciti quattro finalisti, uno per ogni coach: Miriam Ayaba (del team di Elettra Lamborghini), Carmen Pierri (del team di Gigi D'Alessio), Brenda C. Lawrence (del team di Gué Pequeno) e Diablo (del team di Morgan).

La puntata sarà condotta da Simona Ventura - che si è presentata in conferenza stampa con una benda sull'occhio ("Un tributo a Madonna, di cui indosso la camicia", scherza) e vedrà come ospiti Holly Johnson dei Frankie Goes To Hollywood, Lizzo, Arisa (già presente in semifinale), Lost Frequencies, Planet Funk e Shaggy. Il meccanismo vedrà i finalisti sfidarsi tra loro con eliminazioni determinate da televoto telefonico e sui social. Secondo il regolamento: "I 4 Talenti finalisti, uno per ogni squadra, si sfideranno in una o più esibizioni canore, da soli o accompagnati dal proprio COACH o dagli ospiti del programma o dagli altri finalisti. Le esibizioni saranno giudicate dagli spettatori da casa attraverso il Televoto", a cui si aggiunge un “tesoretto social". Ad ogni giro, sarà eliminato il cantante meno votato. L'ultima manche, quella a due, chiederà invece agli spettatori di  esprimere la propria preferenza per la scelta del vincitore.  Il vincitore assoluto, come al solito, avrà un contratto con Universal.

"Un bilancio straordinario, un grande esperienza di vita: siamo partiti in fretta, ma ho sentito un grande lavoro di squadra, a partire dalla RAI: ho rinsaldato l'antica amicizia con l'azienda. Volevamo diventare un programma di culto, eliminando i casi umani, e ci siamo riusciti, al di là dei dati, che comunque garantiscono la sopravvivenza del programma", spiega Simona Ventura.

In termini di ascolti, The Voice è andato meglio dell'anno scorso: la RAI dichiara  uno share medio dell’11%, con 1.4 punti percentuali sopra il 2018. "Il successo di The Voice, però, dipende dal domani e dal sostegno a questi cantanti", chiosa la Ventura: in passato nessun cantante uscito dal talent RAI ha avuto risultati lontamente paragonabili ai vincitori dei concorrenti diretti "Amici" e "X Factor". Anzi, la vincitrice del 2018 Maryam Tancredi ha pubblicato un due EP e un singolo ad aprile (un secondo EP è previsto per l'estate).

Il primo impegno nel sostenere i concorrenti di quest'anno è che il vincitore di The Voice si esibirà subito dopo ai Music Awards, in diretta su Rai1 il 5 e 6 giugno. Gigi D'Alessio aveva proposto  di mandare il vinctore a Sanremo, m nessuno si sbilancia, al di là dei proclami. "Se finisce quest'edizione e non si fa un lavoro... The Voice apre la strada, ma poi va fatta. Noi diamo la canna e la lenza per pescare, ma il pesce lo devono prendere loro". "La rai dovrebbe volere bene a se stessa, dovrebbe essere bellissimo l'automatismo", chiosa Morgan.

Parole positive da parte di tutti i giudici, ovviamente, sia rispetto al programma che rispetto ai finalisti: "La nostra vera vittora è essere qua" (D'Alessio), "E' stato un programma davvero di musica" (Gue Pequeno), "Ho pensato fosse la mia ennesima epifania ad un talent e mi sono divertito, come immaginavo".(Morgan) ed "Ho trovato una cantante che in Italia non c'è" (Elettra). "La finale non mi fa dormire da diversi giorni, è come la finale di champions per me. Voglio vedere se sono ancora l'animale da diretta che sono sempre stato", chiude Simona Ventura, che non si sbilancia sul futuro del programma (ma si dice contenta di avere altri progetti in RAI).