Dardust: 'Grazie a Tommaso Paradiso ho realizzato il mio sogno'

Dalle collaborazioni con le star dei talent a quelle con i big italiani. Dario Faini, tra i protagonisti di Piano City a Milano questo weekend, racconta il suo percorso e anticipa...
Dardust: 'Grazie a Tommaso Paradiso ho realizzato il mio sogno'

È un momento d'oro per Dario Faini. La vittoria al Festival di Sanremo 2019 come co-autore e co-produttore (insieme a Charlie Charles) di "Soldi", cantata da Mahmood, ha rappresentato per il compositore ascolano un traguardo particolarmente importante, forse più dei tanti Dischi d'oro e di platino vinti come autore di hit portate al successo da star del pop italiano come Emma, Marco Mengoni, Fedez, Alessandra Amoroso, Elisa (in "Se piovesse il suo nome" c'è anche il suo zampino, accanto a quello di Calcutta e Vanni Casagrande) Tommaso Paradiso e i suoi Thegiornalisti: "Il 2018 è stato un anno incredibile e il 2019 è partito nel migliore dei modi", racconta a Rockol, senza nascondere il suo entusiasmo, "lavoro come autore già da qualche anno ormai.

La cosa bella di Sanremo è che mi ha permesso di affermarmi, oltre che come autore, anche in questa nuova veste da producer". La ciliegina sulla torta sarebbe arrivata qualche settimana dopo, quando un big italiano lo avrebbe chiamato per parlare di una collaborazione, che alla fine si è concretizzata: "Non posso fare il nome, ma è un big vero. Per me, il più grande in assoluto. Uscirà a breve questo pezzo di cui sono autore e produttore. Mi piace l'idea che il produttore oggi abbia una visibilità più importante che in passato e che la sua figura venga percepita come quella di una spalla degli artisti".

Nel frattempo, Dardust - è lo pseudonimo che usa per il suo progetto solista - torna in un modo o nell'altro a fare concerti. È infatti tra i protagonisti di Piano City Milano, il festival dedicato al mondo del pianoforte ospitato dal 17 al 19 maggio dal capoluogo lombardo: suonerà all'anteprima del festival in Piazza Liberty giovedì 16 organizzata da Apple Music Live e suonerà domenica 19 a Gratosoglio, il quartiere periferico dove è cresciuto Mahmood, che non potrà essere con lui perché impegnato in Israele con l'Eurovision Song Contest, dove gareggerà proprio con "Soldi". "Il tour vero e proprio partirà nel 2020, dopo l'uscita del disco che chiuderà la trilogia di Dardust", anticipa. I primi due tasselli della trilogia, "7" e "Birth", usciti rispettivamente nel 2015 e nel 2016, erano stati registrati a Berlino (il primo) e a Reykjavik (il secondo): "Questo invece l'ho scritto tra Londra e Edimburgo. Ci ho lavorato per un anno intero e non vedo l'ora che esca. Probabilmente ci sarà un singolo prima dell'estate, seguito da un secondo in autunno".

Chissà dove ha trovato il tempo per registrarlo, considerando che il 2018 è stato per lui un anno particolarmente pieno. La collaborazione più impegnativa è stata probabilmente quella con i Thegiornalisti di Tommaso Paradiso: il feeling che si era instaurato tra Dario Faini e Paradiso dopo i singoli "Senza" e "Riccione" - ma i due avevano lavorato gomito a gomito già nel 2014, firmando come autori "Luca lo stesso", il manifesto della rinascita artistica di Luca Carboni - ha convinto il frontman del trio romano ad affidargli la produzione di "Love", l'ultimo album dei Thegiornalisti.

"Dopo il primo incontro a Roma nel 2014, organizzato da Universal, il nostro editore, che ci aveva messo in contatto per farci scrivere qualche canzone destinata a altri cantanti, io e Tommy ci siamo rivisti a Milano per una nuova session di scrittura e lì è nata 'Riccione'", racconta Faini, lasciando intendere che quel pezzo era originariamente destinato a un altro interprete. "Ma poi lui l'ha voluto per i Thegiornalisti e l'ha fatto uscire come singolo non contenuto nel disco. Dopo quella hit ci siamo parlati e mi ha chiesto di produrre il loro nuovo disco. Io ero un po' restio, non era uno dei miei obiettivi quello di produrre un album intero. Ma gli ho detto sì, perché Tommy è stato il primo a credere in me come producer".

Nel 2017, in occasione dei primi due concerti dei Thegiornalisti nei palasport, a Roma e Milano, Paradiso ha invitato Dardust a suonare con la band sul palco: "Ha fatto qualcosa di unico nel pop: far salire sul palco il produttore".

All'estero, per la verità, succede già da diverso tempo: "Vero, ma in Italia questa cosa è uscita fuori principalmente con la trap. E ora è arrivata anche nel pop. Sta succedendo questo: la trap si sta unendo al pop e il pop si lascia contaminare dalla trap, formando una nuova forma di canzone. A Sanremo, emblematicamente, a produrre Mahmood eravamo io e Charlie Charles: da un lato il pop mainstream, dall'altro la trap". Le collaborazioni più recenti di Dardust sono proprio con star della scena trap e urban italiana: da Sfera Ebbasta ("Uh ah hey", inclusa nel repackaging di "Rockstar") a Rkomi ("Visti dall'alto", contenuta nel nuovo album del rapper, ".Dove gli occhi non arrivano", con i featuring di Elisa, Carl Brave e Jovanotti), fino a "Calipso", che ha visto Charlie Charles radunare un vero e proprio all-star team composto da Fabri Fibra, Mahmood, Sfera Ebbasta e lo stesso Dardust. "Dopo dieci anni di pop avevo bisogno di qualcosa di nuovo, una nuova avventura che contaminasse un po' i miei ascolti, la mia creatività. Sono andato a sentire Kendrick Lamar, Drake e Travis Scott in concerto. Il mondo della trap e dell'urban mi affascina, a partire dalla scena di Compton e Los Angeles", spiega Faini, "queste collaborazioni mi hanno dato nuova linfa e sono contento di questo, perché per me rappresenta un nuovo step come autore e produttore".

L'attenzione di Dario Faini, ora, è tutta concentrata sull'album che arriverà entro la fine dell'anno, ma ha già qualche idea per il futuro prossimo: "Un disco da Dardust, come producer, con alcuni featuring. Poi mi piacerebbe fare un disco per pianoforte e orchestra, con tutti i brani più significativi della trilogia. E poi spero che Dardust sia il lasciapassare anche per altri mondi all'estero, a livello di contaminazione".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.