Ancora guerra su Hendrix: il giudice blocca un live, l'etichetta fa ricorso

Ancora guerra su Hendrix: il giudice blocca un live, l'etichetta fa ricorso
E’ sempre scontro aperto tra gli eredi di Jimi Hendrix e il discografico inglese Lawrence Miller, titolare della Purple Haze Records specializzatasi nella pubblicazione di live e rarità del leggendario chitarrista di Seattle. La fondazione di famiglia che Janie e Bob Hendrix (rispettivamente sorellastra e cugino dello scomparso musicista) dirigono con pugno di ferro e spregiudicato senso degli affari è riuscita ad ottenere dai tribunali il ritiro dal mercato di “Stockholm concert”, doppio Cd contenente due esibizioni registrate a Stoccolma nel gennaio del 1969 per l’emittente SVT Television e più volte circolate in passato sotto forma di bootleg. Ma Miller non demorde e ora annuncia l’intenzione di ricorrere in appello contro la decisione, sostenendo che la società Experience Hendrix continua ad accampare diritti sull’eredità musicale del compianto Jimi senza produrre prove concrete al riguardo. Il discografico inglese, che sostiene di avere in mano regolari contratti di licenza acquisiti dal manager John A. Hillman della società Yameta (con cui Hendrix firmò un contratto nel dicembre del 1966, vedi News), ha continuato imperterrito, nel frattempo, a pubblicare altri doppi Cd di materiale hendrixiano: gli ultimi della serie sono “An evening with the Jimi Hendrix Experience” registrato alla Royal Albert Hall di Londra il 24 febbraio del 1969, e il recentissimo “Winterland night”, estratto da una serie di concerti dell’ottobre 1968 presso il celebre club di San Francisco.
Dall'archivio di Rockol - Jimi Hendrix e la sintassi della musica
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.