I Wanna Rock: Blood Sweat and Tears

Tutto il meglio della musica Rock: i brani più significativi che hanno cambiato la storia

I Blood, Sweat & Tears  si formarono nel 1967 a New York per iniziativa di Al Kooper, desideroso di spostare la sua attenzione dal blues (era stato un figura centrale dei Blues Project) al jazz-rock con un nuovo gruppo. Fu, il suo, un progetto di innovazione e sperimentazione che riuscì a decollare tra mille difficoltà ma che, purtroppo, ebbe breve durata: la formazione che includeva anche l’altro ex-Blues Project, il chitarrista Steve Katz, il bassista Jim Fielder, il batterista Bobby Colomby ed una folta sezione fiati ebbe una parabola di un solo triennio.

A cavallo tra gli ultimi giorni del 1968 ed i primi del 1969 venne pubblicato il secondo album omonimo dei BS&T, che conteneva “Spinning wheel”: questo brano sarebbe diventato il loro trademark.

Molto si narra sull’origine del nome della band, che certamente non fu tratto dalla celebre frase motivazionale di Winston Churchill al suo popolo; con ogni probabilità fu ispirato dal titolo di un album di Johnny Cash uscito nel 1963; ma, secondo altre fonti, sarebbe venuto in mente a Kooper osservando il suo organo coperto di sangue dopo che si era ferito a un concerto al Cafe Au Go-Go…

BLOOD, SWEAT & TEARS SONO I PROTAGONISTI DI I WANNA ROCK: SCOPRI IL CATALOGO SONY MUSIC CENTURY MEDIA A PREZZO SPECIALE

Ascolta la playlist di I Wanna Rock su Spotify qui e su Apple Music qui sotto!

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.