The Voice of Italy, i Led Zeppelin e la competenza (?) di Simona Ventura

Ovvero, di come in una trasmissione "musicale" (?) si possano ascoltare delle ignobili stronzate su "Immigrant song"

The Voice of Italy, i Led Zeppelin e la competenza (?) di Simona Ventura

Questa sera, martedì 30 aprile, pensavo che in televisione trasmettessero in chiaro l’incontro di calcio Tottenham - Ajax. Invece la partita è su Sky, e io non sono abbonato. Sicché, dovendo stare a casa, mi sono più o meno rassegnato a guardate "The Voice of Italy", nonostante la scorsa (e prima) puntata non mi avesse convinto granché. Però, insomma, già che avevo acceso la TV l’ho lasciata su Rai Due.
E me ne sono pentito dopo pochi minuti, purtroppo. Il secondo concorrente, Giuseppe Ippoliti, si è messo in gara con “Immigrant song” dei Led Zeppelin. La conduttrice del programma, Simona Ventura, che fa le controscene da dietro le quinte con i parenti e amici dei concorrenti, ha cercato di fare la spiritosa commentando “E’ la canzone di Salvini, questa”. E fin lì, lasciamo stare - una battuta a cazzo ci può anche stare. Ma dopo che nessuno dei giudici si è girato, Simona Ventura ha aggiunto: “Io l’avrei fatto passare solo per il testo”.
Ora: la competenza musicale, a The Voice of Italy, è richiesta ai giudici, non necessariamente alla conduttrice. Ragione per la quale se la Ventura non commentasse i contenuti musicali del programma magari sarebbe preferibile. Ma per quale motivo una deve alludere al contenuto di un testo che evidentemente non conosce? Se non lo ricordate, lo trovate qui.
Comunque lo si voglia interpretare, mi pare ovvio che il testo della canzone - scritto da Robert Plant - non ha niente a che vedere con la questione attuale dei migranti; una perfetta spiegazione del perché la trovate qui.
Ora: siccome The Voice of Italy è registrato e poi montato in postproduzione, com’è possibile che a nessuno sia venuto in mente di tagliare l’infelice uscita della Ventura? Non mi so dare risposta. Voi sì?

Franco Zanetti

PS un lettore ci segnala che secondo lui la frase detta non è stata “Io l’avrei fatto passare solo per il testo” ma “Io l’avrei fatto passare solo per il pezzo”. In questo caso, quello che ho scritto qui sopra vale solo fino a "una battuta a cazzo ci può anche stare" - e ritiro il resto con le dovute scuse. (fz)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.