NEWS   |   Italia / 24/04/2019

I dischi di Coez secondo Coez (1 / 6)

Il rapper ha fatto una classifica "personale" - come tiene a precisare lui - dei suoi dischi come solista, da "Figlio di nessuno" del 2009 a "È sempre bello": eccola.

I dischi di Coez secondo Coez

Non spoileriamo nulla, ci limitiamo a riportare qui i titoli in ordine cronologico: "Figlio di nessuno" del 2009 (a proposito: qui c'è un approfondimento sugli esordi di Coez, forse poco conosciuti da chi ha iniziato a seguirlo in tempi recenti, ma non per questo meno validi di "Faccio un casino" o dell'ultimo album "È sempre bello"), "Non erano fiori" del 2013, "Niente che non va" del 2015, "Faccio un casino" del 2017 e "È sempre bello" del 2019. Il rapper romano ha deciso di classificare i suoi dischi, stilando una sua classifica personale che tiene conto solamente i suoi album come solista - ma la sua discografia comprende anche il mixtape "Fenomeno" (2011) e gli Ep "Senza mani" (2012) e "From the rooftop" (2016), oltre ai dischi pubblicati con il suo primo gruppo, i Circolo Vizioso, e con la crew dei Brokenspeakers. Curiosi di scoprire qual è il disco migliore di Coez secondo Coez (perdonate il gioco di parole)? Date un'occhiata alle pagine successive...