La retromarcia di Jason Bonham: Jimmy Page non mi ha mai dato la coca

Il figlio di John Bonham ritratta e posta le sue scuse pubbliche al chitarrista dei Led Zeppelin

La retromarcia di Jason Bonham: Jimmy Page non mi ha mai dato la coca

Jason Bonham, figlio dello storico batterista dei Led Zeppelin, ha capito di averla sparata grossa, infangando il nome di Jimmy Page nel corso di una chiacchierata radiofonica con Howard Stern.

Dopo aver raccontato l’aneddoto secondo cui il leggendario chitarrista gli avrebbe fatto provare la coca per la prima volta, quando aveva appena 16 anni, Jason ritratta dicendo che quella storia non è mai accaduta.
E lo fa chiedendo pubblicamente scusa a Jimmy Page attraverso un comunicato sul suo sito web:

“Intorno al 9 aprile 2019, io, Jason Bonham, ho rilasciato un’intervista radiofonica a Howard Stern. In quell’intervista ho fatto alcune dichiarazioni false e offensive riguardanti il Sig. James Page (alias Jimmy Page) della leggendaria band dei Led Zeppelin. Ritiro incondizionatamente tutte le affermazioni offensive e diffamatorie riguardanti il Sig. Page emerse nel corso dell’intervista. In particolare, è assolutamente falso che il Sig. Page mi abbia offerto sostanze illegali quando ero minorenne o in altre circostanze. Mi scuso con il Sig. Page, senza riserve, per aver fatto questi commenti falsi e infondati su di lui. Per il profondo rispetto che nutro nei suoi confronti, non rilascerò ulteriori dichiarazioni sull’intervista e accetto di non fare nessun altra affermazione che il Sig. Page potrebbe trovare offensiva, ora o in futuro”.

Le scuse pubbliche di Bonham saranno state scritte anche col cuore, ma certamente con l’assistenza di un ottimo avvocato, accorso in aiuto per porre rimedio all’eccessiva leggerezza di Bonham.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.