Streaming, voci: Amazon lancia un servizio musicale gratuito

Il colosso guidato da Jeff Bezos pronto a diventare un competitor di Spotify sul campo di battaglia del freemium?

Secondo alcune indiscrezioni riferite da Billboard il colosso dell'e-commerce sarebbe prossimo a lanciare un servizio di streaming musicale gratuito, supportato da pubblicità: se le voci raccolte dalla testata americana dovessero trovare effettivo riscontro, il gigante guidato da Jeff Bezos diventerebbe un competitor a tutti gli effetti di Spotify, il primo maggiore dei servizi di streaming ad aver adottato un modello freemium. Amazon, come noto, ha già un servizio di streaming musicale: è Amazon Prime Music, che però negli Stati Uniti viene considerato dalla RIAA - la Recording Industry Association of America, ossia l'associazione americana dell'industria discografica - come un servizio "a livello limitato", diverso dai servizi "completi". Questo perché il servizio non è gratuito: Prime Music è infatti riservato ai soli iscritti al servizio Amazon Prime (che costa 99 dollari all'anno). Il nuovo servizio di streaming, per il quale secondo le voci Amazon sarebbe già da tempo in trattativa con le principali etichette musicali, offrirà un catalogo limitato: potrebbe debuttare già nei prossimi giorni.

    Secondo alcune indiscrezioni riferite da Billboard il colosso dell'e-commerce sarebbe prossimo a lanciare un servizio di streaming musicale gratuito, supportato da pubblicità: se le voci raccolte dalla testata americana dovessero trovare effettivo riscontro, il gigante guidato da Jeff Bezos diventerebbe un competitor a tutti gli effetti di Spotify, il primo maggiore dei servizi di streaming ad aver adottato un modello freemium. Amazon, come noto, ha già un servizio di streaming musicale: è Amazon Prime Music, che però negli Stati Uniti viene considerato dalla RIAA - la Recording Industry Association of America, ossia l'associazione americana dell'industria discografica - come un servizio "a livello limitato", diverso dai servizi "completi". Questo perché il servizio non è gratuito: Prime Music è infatti riservato ai soli iscritti al servizio Amazon Prime (che costa 99 dollari all'anno). Il nuovo servizio di streaming, per il quale secondo le voci Amazon sarebbe già da tempo in trattativa con le principali etichette musicali, offrirà un catalogo limitato: potrebbe debuttare già nei prossimi giorni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.