Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 25/04/2019

La scena di Asbury Park, una terra promessa rock nel New Jersey – seconda parte (2 / 3)

La redenzione: la città dell’Upstage e dello Stone Pony diventa la casa spirituale di Bruce Springsteen e dei suoi fan: “Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll”, nei cinema dal 22 maggio.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/CO8rbn3wwSEUoyETbs1PGJYMiAw=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.nexodigital.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2019%2F03%2FAsbury_Park_1200x675.jpg
Grazie prima all’Upstage e poi allo Stone Pony, ad Asbury Park si crea una scena coesa, in cui tutti conoscono tutti. Per dirla con Southside Johnny, la città-barzelletta dello Stato-barzelletta riesce finalmente a ottenere una forma di riconoscimento e avviene grazie alla musica. Il successo di Bruce Springsteen dopo “Born To Run”, poi, trasforma Asbury Park in un luogo di pellegrinaggio. L’età dell’oro va da metà anni ’70 a metà anni ’80 quando Springsteen, oramai star globale, frequenta i concerti degli amici musicisti, a volte salendo sul palco. Asbury Park diventa una “promised land” e ogni settimana un centinaio di persone scrive lettere indirizzate a “Bruce Springsteen, U.S.A.” che le Poste recapitano allo Stone Pony dove sono di casa i protagonisti del docu-film di Tom Jones “Asbury Park: lotta, redenzione e rock’n’roll”, nei cinema il 22, 23 e 24 maggio.