Identità, libertà, felicità: Khalid presenta l’album e il film “Free spirit”

Identità, libertà, felicità: Khalid presenta l’album e il film “Free spirit”

“Si parlava dell’album e tutti mi dicevano: ok, è buono, ma dobbiamo far uscire qualche contenuto speciale, come un video. ‘Free spirit’ sembra un film in musica, ho pensato. Perché non trarne un vero film?”. Mercoledì 3 aprile Khalid ha presentato in un video proiettato in mezzo mondo – negli Stati Uniti anche al cinema – il secondo album “Free spirit” e l’omonimo cortometraggio che dopo l’anteprima sarà reso disponibile su YouTube e Apple Music. Dopo la visione del film, gli spettatori hanno avito modo di ascoltare in anteprima il disco, accompagnato dai commenti del cantante americano. Se l’album espande il mondo musicale di Khalid, offrendone una versione ad alta definizione, il film è costruito su uno dei temi del disco: il confuso e assieme eccitante processo di crescita nel passaggio dall’adolescenza all’età adulta.

Diretto da Emil Nava, regista di decine di videoclip fra cui “Thinking out loud” di Ed Sheehan e “Rockstar” di Post Malone, il film racconta la storia di un gruppo di otto ragazzi, fra cui lo stesso Khalid, in una piccola città americana. È strutturato come una sorta di documentario on the road e mischia riprese cinematografiche, immagini a bassa definizione, interviste dirette agli attori che, mescolando realtà e finzione, raccontano sé stessi e le proprie aspirazioni in confessioni modello reality show. Molti di loro sono veri amici di Khalid. “Coinvolgere gli amici significava rendere il film più realistico. Quello che vedete sullo schermo sono io in tutta la mia autenticità, senza filtri e senza limiti”.

Divisa in tre capitoli, la storia gira attorno alla relazione fra Ladybug (Dizzy Fae, a sua volta cantante R&B e ballerina) e Marcus (il modello Judah Lang). Finita la scuola superiore, gli otto ragazzi rubano un vecchio van malandato e scappano dal vuoto della loro cittadina in un viaggio reale ed emotivo. È un film sulla ricerca della felicità, della libertà, in definitiva della propria identità. Andrà a finire male. Quattro ragazzi, fra cui Khalid, tornano indietro spezzando l’armonia nel gruppo e la gelosia di Marcus che s’indispettisce per la vicinanza fra Ladybug e Trey (l’attore Jahking Guillory) rovinerà tutto, fino al tragico epilogo. Morale: per essere liberi dobbiamo rifiutare i condizionamenti esterni e definire chi siamo.

Khalid ha provato fin da piccolo che cosa significa viaggiare verso una nuova vita. È infatti un “military brat”. Nato nel 1998 Khalid Donnel Robinson a Fort Stewart, Georgia, è cresciuto fra la Germania, lo stato di New York e il Texas per via degli incarichi della madre nell’esercito. “Cambiare spesso casa ti fa capire quanto temporanee siano le cose della vita. Arrivi in un posto e quando cominci a considerarlo casa è già tempo di traslocare”, ha detto a Rockol. “Non mi sono mai sentito veramente accettato da una comunità, ma invece di considerarmi un emarginato ho scelto di pensare a me stesso come a una persona unica”.

Khalid cominciato a fare musica ai tempi della scuola superiore e si è fatto notare grazie a una canzone intitolata “Location”, entrando al secondo posto nella Billboard Twitter Real-Time, una classifica all’epoca compilata dal magazine punto di riferimento dell’industria discografica. Nel gennaio 2017, la canzone è entrata nella Top 10 R&B americana, lanciando la carriera di Khalid. Oggi su YouTube la canzone ha accumulato oltre 380 milioni di visualizzazioni e 670 di ascolti in streaming.

Nel marzo 2017 è uscito l’album d’esordio “American teen”, numero uno della classifica R&B. Il disco ha assicurato al cantante un VMA Award come artista emergente dell’anno e una lunga serie di nomination, fra cui cinque ai Grammy. “Racconto storie di adolescenti”, ha spiegato, “gli svaghi, le difficoltà, i problemi relazionali. Interpreto con la mia voce il pensiero dei ragazzi che non riescono a esprimere quel che provano. Ho capito subito che c’era tanta altra gente che stava passando quel che passavo io”.

Il suo stile electro-soul, la sua sensibilità, il suo canto delicato gli hanno fatto guadagnare paragoni con Frank Ocean e Sampha. È apparso nella colonna sonora di “Black panther”, ha collaborato fra gli altri con Lorde (di cui ha aperto il tour del 2017, anche in Italia), Logic, Marshmello, Shawn Mendes, Pink e Billie Eilish. Nel settembre 2018 ha pubblicato il singolo “Better”, nuovo numero uno nella classifica Billboard Hot R&B, cui è seguito in mese dopo l’EP dal taglio quasi cinematografico “Suncity”, con un featuring di Empress Of.

Tra il febbraio e il marzo 2019, i singoli “Talk” prodotto dai Disclosure e “My bad” prodotto da D’Mile hanno aperto la strada al nuovo album “Free spirit” dove compare John Mayer e che comprende due pezzi dell’EP. “Questo disco” racconta Khalid “rappresenta il culmine della mia crescita e dell’insieme delle esperienze che ho accumulato in questi due anni. Sono stato in studio e ho purificato il mio animo per creare musiche che spero parlino a tutti”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.